menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Combinata nordica: il friulano Pittin secondo in rimonta

"Fenomeno ritrovato". L'atleta di Cercivento, prima atleta azzurro a vincere una medaglia nella storia della combinata nordica ai Giochi olimpici, sul podio a Ramsau a soli tre decimi dal Fabian Riessle

Il carnico Alessandro Pittin conquista un incredibile secondo posto nella Gundersen di Ramsau valida, terza tappa della Coppa del Mondo 2017-2018, chiudendo al secondo posto a soli 3 decimi dal vincitore, il tedesco Fabian Riessle.

L'azzurro ha approfittato nel modo migliore del vento che ha impedito il salto nella seconda Gundersen in programma sulla pista austriaca, per la quale il finanziere friulano non si era qualificato nel corso del mattino. La giuria ha utilizzato così il Provisional Competition Round di venerdì che consente a tutti i concorrenti di partire nella frazione del fondo, dove Pittin ha fatto come sempre la differenza, arrivando addirittura a giocarsi la vittoria nei metri conclusivi con una splendida rimonta dal trentaseiesimo posto. Alla fine il solo Fabian Riessle lo ha preceduto con un allungo decisivo nei metri conclusivi, lasciando ad appena tre decimi l'azzurro, mentre al terzo posto si è piazzato il finlandese Eero Hirvonen. Per il 27enne friulano si tratta del podio numero 13 in carriera. Pittin mancava sul podio individuale dal 14 marzo 2015, quando arrivò terzo ad OsloOra il nuovo leader della classifica generale è il norvegese Jan Schmid, la cui continuità di rendimento lo ha condotto già tre volte sul podio, abbinando tra l’altro la quarta posizione odierna ad appena 3”5 da Riessle.

La gara

Come scritto da Mauro Deriso sul sito www.oasport.it "resta la sensazione di un fenomeno ritrovato per l’Italia, che si gode l’ennesima prodezza del suo gioiello, tornato a competere ad armi pari con i migliori nell’anno olimpico e proiettato verso una stagione da assoluto protagonista". L’azzurro è partito dal 36° posto, ma a soli 1’12” dal norvegese Joergen Graabak, vincitore del PCR (il segmento di salto non si è disputato a causa delle avverse condizioni meteo) e leader parziale della classifica, un divario esiguo al punto da consentirgli di imbastire la rimonta sin dai primi metri e di agganciare il treno giusto all’inizio dell’ultimo giro, quando mancavano 2,5 km al traguardo. Pittin ha messo il turbo nel finale e in otto hanno approcciato insieme l’ultimo decisivo chilometro, nel quale Riessle ha fatto la differenza in volata, battendo di un soffio Pittin e conquistando la sua prima vittoria stagionale, davanti al fuoriclasse carnico e al finlandese Eero Hirvonen, anch’egli sempre più sorprendente in questo avvio.

Classifica finale

1 Fabian Riessle (GER) 26’12”5
2 Alessandro Pittin (ITA) +0”3
3 Eero Hirvonen (FIN) +1”5
4 Jan Schmid (NOR) +3”5
5 Johannes Rydzek (GER) +7”5
6 Joergen Graabak (NOR) +9”8
7 Vinzenz Geiger (GER) +13”1
8 Lukas Klapfer (AUT) +18”9
9 Ilkka Herola (FIN) +32”7
10 Francois Braud (FRA) +35”8

49 Aaron Kostner (ITA) +3’16”0

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento