menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una formazione dell'Atomat

Una formazione dell'Atomat

L'Atomat costretta a vincere contro il Caldogno, domani al Palacus

Contro le vicentine serve un successo per risalire la china. Convinto di una grande prestazione il tecnico Stefano Bearzi

Domani alle 19 le atlete universitarie saranno di scena al PalaCus, per una gara che può essere il viatico per risalire in classifica.  Dopo quattro giornate le udinesi hanno collezionato una vittoria, un pareggio e due sconfitte. Troppo poco per puntare a una posizione di vertice, anche se per adesso il Dossobuono sembra davvero avere una marcia in più. Fondamentale quindi cercare di ottenere i tre punti nelle sfide alla portata, quando però bisogna mantenere alta la concentrazione.

A presentarsi a Udine sarà questa volta il Barracuda di Caldogno. Non c'è molto da dire sulla squadra veneta, ancora a secco. La formazione, molto giovane, ha intrapreso i primi passi nel campionato di serie B l'anno scorso, con qualche difficoltà. Da quest'anno però la compagine ha dimostrato dei miglioramenti, e nell'ultima gara disputato contro l'Oderzo è sì uscita sconfitta ma solo per poche lunghezze. Ancora da valutare quindi l'effettiva dimensione delle giovani ragazze vicentine.


Così ha dichiarato il tecnico Bearzi: "Dobbiamo vincere. Ci servono i tre punti per dare respiro alla classifica e per affrontare con animo sereno i prossimi impegni, a partire con quello contro il Riviera Vicenza. In questo campionato che ha dato tanti risultati inaspettati e in cui tutte le formazioni sembrano in grado di dire la la loro non possiamo permetterci di sbagliare occasioni facili per fare punti. Mi aspetto una grande prova di attenzione delle mie che dovranno mantenere alta la concentrazione per tutta la gara comportandosi da grande squadra".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento