I ciclopi verdi tutelati dalla legge

Ben 34 alberi monumentali nella provincia di Udine. Il valore di questi giganti naturali è inestimabile e il censimento aggiornato costantemente del Corpo Forestale li elenca uno per uno

di Darkone

Come grandi giganti silenziosi e gentili se ne stanno là a osservare immobili il tanto affannarsi umano. Gli alberi sono più che una cornice decorativa per i nostri paesaggi, e non soltanto per il loro contributo da fornitori di ossigeno, imprescindibile al miracolo della vita.

La chioma possente o affusolata, il tronco più o meno piegato dai venti, alcuni di loro sono stati testimoni senza parola di decenni e decenni di storia e nella loro rassicurante fissità longeva sono un po’ un’ancora alla frenesia dei tempi moderni, persino quelli più caotici metropolitani.
Per celebrare e salvaguardare questa bellezza che fa da argine alla cementificazione persino metaforica, la Legge 10/2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani” tutela gli alberi monumentali in Italia. Recentissima, dunque la normativa.

Fin dagli anni Ottanta e Novanta è stato effettuato un censimento di queste piante storiche, a partire dalle segnalazioni di associazioni e singoli cittadini e da rilevamenti e verifiche sul campo.

Per questi giganti verdi, a tutti i livelli considerati parte integrante del patrimonio naturale ma anche storico-artistico del nostro Paese, viene applicata una forma di maggior tutela: diventano assolutamente intoccabili sia per quanto riguarda la parte esposta sia per quanto riguarda le radici, viene individuata un’area di rispetto, pari almeno all’ampiezza della chioma, idonea ad assicurare la loro buona salute, si valuta di caso in caso la possibilità di interventi mirati al mantenimento del loro buono stato vegetativo e di difesa fitosanitaria, da attuarsi comunque previo parere vincolante del competente Servizio Fitosanitario regionale e sono previste specifiche sanzioni per eventuali danneggiamenti.

È decisamente ben nutrito l’elenco di alberi monumentali ospitati presso la provincia di Udine, ben trentaquattro dei 39 presenti in tutta la Regione rigorosamente censiti (l’elenco viene costantemente aggiornato) dal Corpo Forestale dello Stato. Ve lo ripresentiamo qui - con comune, località (la provincia è sempre Udine), genere, specie, circonferenza, altezza e nome comune - così che non capiti a nessuno di passare accanto a uno di questi preziosi tesori senza rendersene conto: 
 

  • Aquileia,    Giardino Museo Arch., Cedrus libani Barr., 6;  21, cedro del Libano
  • Bertiolo, Villa Colloredo,      Quercus robur L.*,8; 21, farnia
  • Camino al Tagliamento, Gorizzo,      Quercus robur L. 4,2;25, farnia        
  • Cervignano, Muscoli - Villa Lazzari,  Moro, Chamaecyparis lawsiniana Parl., 0; 16, cipresso di Lawson
  • Cervignano, Strassoldo, villa von Kunenfeld, Carpinus betulus L. , 2,6; 25, carpino bianco
  • Codroipo, Foro Boario, Platanus occidentalis L., 5,2; 35, platano occidentale
  • Codroipo,  Passarino - Villa Manin, Taxus baccata L., 4; 18, tasso
  • Fiumalbo, villa Marangoni     Celtis australis L., 4; 20, bagolaro
  • Latisana, Villa Zorze Rossetti, Zelkowa crenata Spach.*; 7,05; 36, olmo del Caucaso
  • Lignano Sabbiadoro, Quercia Grill, Quercus robur L., 0; 13, farnia
  • Muzzaga del Turgnano, Bosco Baredi, Quercus robur L., 4,8520   farnia   English oak
  • Pagnacco, Castello Fontanabona, Tuya gigantea Nitt. , 0; 25, tuia gigante
  • Paularo, Sot Noiaret, Abies alba Mill.*, 0, 0 abete bianco
  • Paularo, Malga Zermula (Campivolo), Fagus sylvatica L., 4,08; 25, faggio
  • Pavia di Udine, Villa Lovaria, Platanus orientalis L., 6,5; 25, platano orientale
  • Pavia di Udine, Villa Lovaria, Cedrus libani Barr., 5,2; 28, cedro del Libano
  • Povoletto, Magredis, Cedrus deodara Loud.; 6,6; 21, cedro dell'Himalaya          
  • Precenicco, Villa Beni Rustici, Popolus nigra L., 4,7; 42,  pioppo nero
  • Precenicco, Villa Beni Rustici, Tilia platyphyllos Scop., 5,1; 42, tiglio nostrale
  • Precenicco, centro abitato - Villa Beni Rustici, Popolus alba L.; 5,3; 33, pioppo bianco   
  • Premariacco, Rocca Bernarda, Cupressus sempervirens L.*, 5; 22  cipresso
  • Ruda, Villa Ischia, Ulmus minor Mill., 4,1; 30, olmo campestre
  • San Giorgio di Nogaro, Villa Frangipane, Cedrus libani Barr., 5,15, 28, cedro del Liban
  • San Giorgio di Nogaro, Villa Frangipane, Cedrus libani Barr.; 5,15, 28, cedro del Libano
  • Santa Maria la Longa , parco Cottolengo, Cedrus deodara Loud.,  5,6; 33 cedro dell'Himalaya  
  • Santa Maria la Longa , parco Cottolengo, Cedrus libani Barr., 6;33, cedro del Libano
  • Santa Maria la Longa , villa Peritz, Celtis australis L., 4,4; 20, bagolaro
  • Tarcento, centro abitato (albergo Centrale),  Platanus orientalis L., 5,02; 30, platano orientale
  • Tarvisio, Sainfrritz – Camporosso, Fagus sylvatica L., 5,35; 40, faggio     
  • Tarvisio, Saifrintz – Camporosso, Tilia platyphyllos Scop.*, 3,45; 25, tiglio nostrale,
  • Udine, Giardino del Torso, Paulownia imperialis Sieb. & Zucc., 3; 22, paulonia
  • Udine, Palazzo Maniago, Gleditsia triacanthos L., 3,9, 20, spino di Giuda           
  • Udine, Piazza Patriarcato, Libocedrus decurrens Torr., 4,2; 29, libocedro
  • Varmo , Villa Bertolini, Quercus robur L., 5,7; 29, farni

    * esemplare ritenuto di eccezionale valore storico o monumentale 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
UdineToday è in caricamento