Itinerari della Grande Guerra in Friuli

Ecco alcuni percorsi e delle visite guidate per scoprire e capire l'eredità della Grande Guerra in regione

@ Immagine tratta da urismofvg.it

In Friuli Venezia Giulia sono presenti diversi itinerari dedicati alla Grande Guerra, che rappresentano un vero e proprio viaggio alla scoperta della storia della nostra regione e di uno degli avvenimenti più importanti del Novecento. Ecco, quindi, cosa si può visitare in Friuli.

Parco della Trincea del Litorale

Il parco si trova a Trieste, città simbolo della Grande Guerra. Qui, si può vedere ancora la Trincea del Litorale costruita per il controllo dell'Alto Adriatico, costruita da Duino fino a Cittanova.

Itinerario "Vie di guerra tra San Daniele, Forgaria e il Monte Cuar"

Il percorso, che porta dal comune di Forgaria del Friuli a quello di San Daniele, è da percorrere in auto, in quanto conta 40 chilometri di lunghezza. Grazie a questo percorso, si possono riscoprire la tracce e le testimonianze delle fortificazioni militari italiane e della battaglia dei primi giorni di novembre 1917.

Itinerario del campo trincerato austro-ungarico di Ragogna

Questo itinerario è composto da un percorso breve che porta alla scoperta delle fortificazioni difensive austro-ungariche costruite durante l'occupazione militare del Friuli.

Itinerario del complesso fortificato del Monte di Ragogna

Qui vengono proposti quattro itinerari diversi, che portano a scoprire la storia di queste terre, dalle fortificazioni anteguerra alle costruzioni, postazioni e reperti sulla "Battaglia del Tagliamento".

Itinerario del Monte Calvario e della città di Gorizia

Anche Gorizia è stata una città simbolo della Grande Guerra, e con questo itinerario si possono scoprire la storia e le testimonianze sul Monte Calvario, dove migliaia di uomini scrissero pagine importanti di storia.

Itinerario del Monte Zermula

Su questo monte correva, una volta, una parte del fronte italo-austriaco e, qui, vennero scavate diverse trincee e gallerie, oggi visitabili.

Itinerario del Passo Volaia

Di recente, in questo passaggio alpino carnico sul confine tra Italia e Austria, sono stati riportati alla luce diversi reperti risalenti alla Grande Guerra.

Itineraio del Piccolo Miezegnot e Jof di Miezegnot

L'itinerario si trova all'interno della Val Saisera, che in passato si trovava in territorio asburgico, e che durante la Grande Guerra fu militarizzata con costruzioni militari per le retrovie e collegamenti teleferici.

Itinerario del Ponte di Pinzano e la batteria del Col Colàt

In questo percorso è possibile ammirare le fortificazioni italiane costruite negli anni precedenti la Grande Guerra e alcune testimonianze sulla battaglia per contrastare l'avanzata austro-germanica.

Itinerario della Val Dogna - Linea dei Plans

In questa vallata è possibile osservare diversi resti e testimonianze del confine pre-bellico e delle battaglie combattute per oltrepassarlo.

Itinerario di Creta di Collinetta

Questo itinerario, dedicato ai più esperti, riguarda l'ascesa alla Creta di Collinetta attraverso la Galleria del Cellon-Schulter.

Itinerario Jof di Miezegnot

Qui, si possono osservare diverse strutture militari ancora intatte e delle testimonianze della vita dei soldati ad alta quota.

Itinerario Jof di Somdogna

Con questo itinerario si possono osservare le trincee, le barricate e gli osservatori costruiti in quota. Lo Jof di Somdogna si trova nella Val Dogna, in mezzo a uno scenario naturale.

Museo all'aperto del Freikofel

In questa zona, che si trova sul passo di Monte Croce Carnico, si sono consumate diverse battaglie per tutta l'estate del 1915, a cui seguirono le costruzioni di fortificazioni varie.

Museo all'aperto del Kolovrat

Questo museo si trova nella Valli del Natisone, teatro di numerose battaglie durante la Grande Guerra.

Museo all'aperto del Monte Ermada

Questo museo dà la possibilità di scoprire la linea difensiva austro-ungarica fortificata nel settembre del 1916 dopo la Sesta Battaglia dell'Isonzo.

Museo all'aperto del Monte San Michele

Questo percorso offre la possibilità di percorrere un itinerario tra storia e natura ed è composto da percorsi facili e adatti a tutti.

Museo all'aperto del Pal Piccolo

Anche il Pal Piccolo carnico fu teatro di battaglie e morte durante la Grande Guerra, e conserva ancora delle testimonianze.

Museo all'aperto della Dolina del XV Bersaglieri

Inaugurato nel 2000, il museo si trova sull'area del Monte Sei Busi. L'itinerario proposto si snoda tra i comuni di Fogliano Redipuglia e Ronchi dei Legionari, ripercorrendo una linea del fronte.

Campo di addestramento di Prosecco

Il percorso della Grande Guerra si trova nel Bosco Fornace di Prosecco, nel comune di Trieste, a poca distanza dal castello di Miramare. Qui, si possono ammirare una serie di infrastutture realizzate per l'addestramento dei soldati.

Parco della Pace

Il parco del Monte Sabotino si trova a pochi chilometri da Gorizia e si tratta di un museo all'aperto transfrontaliero tra Italia e Slovenia.

Parco tematico della Grande Guerra

Il parco "Abschintt Saisera" si trova nella Val Saisera, nel comune di Malborghetto-Valbruna. Qui, si può osservare la linea difensiva Vordere Saisera.

Parco tematico di Monfalcone

Il parco conta circa 4 chilometri quadrati e offre la possibilità di osservare tutte le testimonianze di questa zona di guerra, sede di diverse battaglie.

Percorso storico del Brestovec

Il percoso si trova nel cuore del Carso Isontino e permette di visitare un punto di osservazione e controllo dell'esercito austro-ungarico e la linea di difesa italiana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • L'omino Michelin sorride ai ristoranti friulani, ecco le stelle 2021 della famosa Guida

  • Niente mini zone rosse, Fedriga fa dietro front: si ai tamponi per tutti

  • Coronavirus, cala il numero dei tamponi ma sale la percentuale di contagiati in Fvg

Torna su
UdineToday è in caricamento