Reddito di cittadinanza, Sut e De Carlo (M5S): "Misura da mantenere e far funzionare meglio"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

“Il Reddito di cittadinanza è lo strumento che ha riportato equità sociale e inciso positivamente sulla povertà assoluta in Italia. Non dimentichiamo che si tratta di un modello di Welfare nuovo e quindi perfettibile, introdotto laddove nessuno aveva trovato il coraggio politico di intervenire. Non ha mai avuto lo scopo di assolvere a finalità assistenziali, ma sarà presto modificato in funzione di una migliore resa sul piano del reinserimento lavorativo”. Difendono la misura cardine delle Politiche del Lavoro pentastellate, i deputati M5S Luca Sut e Sabrina De Carlo, intervenuti in risposta alle dichiarazioni dell’assessore regionale Alessia Rosolen che, nella sua disamina sul Rdc, chiama in causa anche la figura dei Navigator: “Dalle cifre a nostra disposizione – proseguono i Portavoce a Montecitorio - risulta che quelli attivi in Fvg abbiano contattato quasi l’85% dei percettori di Rdc tenuti alla stipula del Patto per il Lavoro, in un arco di tempo individuabile a partire dell’avvio della Fase 2, iniziata un anno fa. Dal primo momento - aggiungono i deputati Sut e De Carlo - sapevamo che la misura poteva andare incontro a revisioni strutturali che, nei prossimi mesi, interesseranno i piani di reinserimento lavorativo. Il programma del Rdc dovrà viaggiare su ritmi diversi e per raggiungere questo risultato il Governo è già al lavoro. L’obiettivo – chiosano – è intervenire con una struttura informatica di raccordo tra la domanda che giunge dai Centri per l’Impiego e l’offerta di lavoro. Senza dimenticare la necessità di promuovere tra le Amministrazioni un avvio diffuso dei Progetti di utilità collettiva, ostacolato dall’emergenza Covid e dalla resistenza in qualche Comune. Siamo stati i primi a volere una misura di sostegno alla povertà che fosse proattiva verso il raggiungimento di una nuova occupazione - ricordano - e siamo i primi a volere che questo progetto decolli, su entrambi i fronti. Sicuramente - concludono – la misura va avanti con intento migliorativo – ma buttare via il bambino con l’acqua sporca sarebbe un errore politico che le fasce di popolazione più svantaggiate, a cui noi del M5S guardiamo, pagherebbero a caro prezzo”. Così in una nota congiunta, i deputati del MoVimento 5 Stelle eletti in Friuli Venezia Giulia, Luca Sut e Sabrina De Carlo.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento