Forza Italia: «Odg della maggioranza su via Mercatovecchio è solo aria fritta»

L’ordine del giorno presentato dal gruppo di Alternativa e votato ieri dalla maggioranza in Consiglio comunale, collegato alla delibera delle 4 varianti che autorizza l’ampliamento dei market e la realizzazione di 3 rotonde, è solo aria fritta.

Quello chiesto, in particolare sulla definitiva chiusura di via Mercatovecchio, pedonalizzata e l’eliminazione dei bus e di conseguenza delle fermate, cozza palesemente con quanto discusso qualche mese fa.

Il 15 febbraio scorso la 2ª Commissione consiliare Territorio e Ambiente si era riunita per discutere quali interventi e politiche a breve e medio termine per il centro storico.

In quella sede, tutto documentato dalla registrazione che abbiamo della seduta, sia il sindaco Furio Honsell sia l’assessore Enrico Pizza, in merito all’attraversamento e al servizio che svolge la Saf con gli autobus lungo l’asse da via Aquileia passando per via Mercatovecchio fino a raggiungere l’Ospedale, si erano espressi in modo chiaro.

Pedonalizzazione o no, i bus o navetta che sia, continueranno a transitare per quell’asse, compresa via Mercatovecchio.

Ecco perché riteniamo che quel punto inserito nell’odg e votato ieri in consiglio comunale, è pura aria fritta.

Da un lato si dice una cosa e dall’altro pur di non spaccare la maggioranza, il Pd rappresentato dall’assessore Pizza ha chiuso gli occhi e si è tappato le orecchie e ha votato l’odg, contraddicendosi per l’ennesima volta.

Questo passaggio credo merita un approfondimento e i cittadini vanno informati. È inammissibile rigirare la frittata senza dare le giuste spiegazioni. Una volta per tutte, dicano senza dietrologie cosa hanno in mente su tutta la mobilità che riguarda il centro storico cittadino. Motivo per cui chiediamo, cosa ne pensa il sindaco e l'assessore visto che si erano espressi diveramente? Hanno letto il contenuto dell'odg? Hanno informato la Saf di questa nuova decisone?

Tornando alla delibera delle varianti. La sconcertante e vergognosa forzatura che la maggioranza ha imposto votando in modo contrario alla richiesta di rinvio, in attesa di conoscere il parere di legittimità chiesto dal Segretario generale alla Regione Fvg su tutta l’operazione, dimostra ancora una volta tutta l’arroganza dell’amministrazione comunale e della sua maggioranza.

Sia in aula e in tutte le sedi, abbiamo parlato di opportunità della presenza di Honsell per aver relazionato in giunta sulle proposte di deliberazione, dove vedeva firmataria la sorella in qualità di tecnico sugli studi di impatto sulla viabilità degli ampliamenti delle grandi strutture di vendita.

Noi non abbiamo mai pronunciato sentenze né sulla stampa né in altre sedi, a differenza del Pd con a capo il capogruppo Monica Paviotti insieme all’assessore Carlo Giacomello, si sono espressi chiaramente che per loro non esiste nessun dubbio di legittimità.

Noi non facciamo né processi alle intenzioni né altro, sia chiaro, fino alla fine siamo garantisti. Ciò non toglie che siamo convinti che il percorso intrapreso e l’aver chiesto di conoscere il parere su quanto è stabilito dal combinato disposto dell’art. 78 del D.Lgs. 267/2000, rientra nel modo corretto di fare politica.

La maggioranza su questo si è assunta una responsabilità non indifferente e oltretutto a scatola chiusa, ha voluto a tutti i costi andare avanti e votare favorevolmente gli ampliamenti.

Come consiglieri comunali abbiamo una responsabilità amministrativa e morale e la correttezza nei confronti dei cittadini, ci impone di rispettare le regole e finché non si conosce il parere espresso dalla Regione, l’unica cosa che andava fatta era di rimandare il dibattito e l’approvazione di quella delibera.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Udine usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trans nuda in mezzo alla strada, un carabiniere chiede 1 milione di risarcimento danni

  • Dà fuoco al marito cospargendolo di benzina, è madre di due ragazzi udinesi

  • Delitto Orlando, Mazzega si è suicidato

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

Torna su
UdineToday è in caricamento