Festa della Repubblica, Fedriga: "Sia da stimolo per il processo di cambiamento"

Il presidente della Regione è intervenuto per le celebrazioni al Sacrario di Redipuglia alla presenza del ministro D'Incà

Il ministro D'Incà assieme a Fedriga e Zanin

"La cerimonia di oggi per la Festa della Repubblica può stimolare simbolicamente il processo di cambiamento di cui ha bisogno il Paese: la crisi sanitaria, che è diventata anche economica, deve essere l'occasione per attuare una forte semplificazione di cui ha estremo bisogno il Paese per ripartire". Lo ha affermato il presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga a margine della cerimonia del 74° anniversario di fondazione della Repubblica svoltasi al Sacrario militare di Redipuglia, con una forma che ha dovuto tenere conto delle restrizioni anti Covid-19 ma alla presenza del ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà e, tra gli altri, del presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin. "Speriamo – è stato l'auspicio di Fedriga – ci sia impegno continuo per dare fiato al lavoro e all'impresa: la grande sfida è eliminare gli orpelli che hanno soffocato e stanno uccidendo la nostra economia. Se non lo facciamo adesso non lo faremo più".

D'Incà

“Questa ricorrenza parla di una rinascita. Di un Paese che si rialza dalle macerie di un conflitto feroce e prende una nuova forma. Quella che consociamo oggi, la forma di una Repubblica democratica scelta con un referendum popolare che vede votare, per la prima volta tutte le donne e tutti gli uomini che ne avevano diritto – ha dichiarato il ministro D'Incà –. Questo giorno ha impresso nella storia quello che siamo oggi: una Repubblica democratica, fondata sul lavoro, dove la sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Tutti gli italiani quella domenica di giugno del 1946 entrarono nelle istituzioni, attraverso una scelta, quella di una Repubblica rappresentativa, che oggi vede nel Parlamento l’espressione più alta della sua vita pubblica. E di festa e di rinascita è importante parlare, soprattutto in questi giorni, in cui il Paese si sta rialzando da una feroce pandemia che ci ha costretto di nuovo a ricostruire e a stringerci ancora di più intorno alle nostre istituzioni repubblicane ed europee, che proprio nel corso di questa crisi hanno ritrovato una nuova centralità. Gli esponenti più alti delle nostre istituzioni, che si sono distinti durante la pandemia per la loro opera indispensabile, sono certamente i medici, gli infermieri e tutto il personale che è stato sulla nuova trincea del virus e ha portato il Paese fuori dalla crisi. A loro – ha concluso il rappresentante dell'esecutivo –  va il nostro ringraziamento più grande”. 

Spitaleri

"Il 2 giugno è la Festa della Repubblica e della Costituzione repubblicana. Giustamente la Presidente della Corte Costituzionale Marta Cartabia ci ricorda che la Repubblica non è un sinonimo di Stato, ma è un soggetto ampio e più ricco che ricomprende articolazioni centrali e territoriali, dove le pluralità si integrano in una unità che dà vigore all'art. 3 che garantisce diritti e impegna alla giustizia e equità sostanziale". È la riflessione di Salvatore Spitaleri, componente della commissione paritetica Stato-Regione Fvg, in occasione del 2 Giugno, Festa della Repubblica. "Proprio per tale ragione – continua Spitaleri – la ricerca esasperata di conflitti non solo non giova alla propria parte, ma lede i principi fondamentali e va bandita. In questa pandemia abbiamo compreso il valore di quei principi e il loro significato profondo, dal diritto alla salute al diritto alla libertà di movimento, ai principi di solidarietà sociale ed economica. Ci vorrà coraggio e determinazione, come ricordato dal presidente Mattarella e – aggiunge – ci vorrà la consapevole responsabilità corale di cittadini ed istituzioni".
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento