menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rizzetto (M5S): “lavoro, green economy e sanità al primo posto”

Tanti i cambiamenti necessari secondo il manager di Tricesimo, capolista alla Camera per il Movimento 5 Stelle. "Non abbiamo niente da spartire con gli altri, siamo stati i primi a proporre programmi realizzabili"

Walter Rizzetto, classe 1975, originario di Tricesimo e manager in campo energetico è il capolista alla Camera dei Deputati per il Movimento 5 stelle. Virtualmente, dopo le "Parlamentarie", è stato il primo nella nostra Regione a sapere di essere eletto.

Ci ha raccontato quali sono i progetti e le aspettative del suo prossimo impegno a Montecitorio.

Dopo le parlamentarie, è stato il primo in Fvg a sapere di essere eletto. Quali le sensazioni?
E' stata una sensazione forte, emozionante, che mi mette addosso una responsabilità di un certo peso; ringrazio chi mi ha votato, chi ha creduto in noi. Anche la sola possibilità di cambiare in maniera radicale le abitudini e gli stili di vita sinora provati, può spaventare, ma l'impegno che ci mettiamo e metterò nel provare a cambiare le cose è una spinta che fa dimenticare presto le paure e le insicurezze. Siamo cittadini normali, non esperti di politica e di politichese, vogliamo restare così e non cambiare. Studieremo, ci applicheremo, non perderemo il contatto con il territorio e porteremo a conoscenza dei cittadini stessi tutto quanto di marcio o di buono si sta facendo.
Quali le priorità in Fvg e in Italia per risollevare il nostro paese?
Il percorso da fare è ancora abbastanza lungo e tortuoso. Non dividiamo più le Regioni dall'Italia intera: i problemi che viviamo in Fvg li vivono (con poche differenze) anche in Piemonte o in Lazio. Istruzione, lavoro ed agevolazioni per Pmi, green economy, agricoltura e sanità le prime riforme da proporre e portare avanti con forza, La politica è una cosa che dovrebbe essere semplice ed il buon senso deve darci una mano.
Il Movimento gode di un forte favor nei sondaggi: quali le differenze principali con quella che considerate "vecchia politica"?
Quali le differenze? Tutte. Accusiamo la politica ed i politici tutti di essere stati parte volontaria di un processo di impoverimento economico,culturale e mediatico di questo nostro Paese. Non abbiamo nulla a che spartire con altri schieramenti. Siamo stati i primi a proporre programmi realizzabili, riduzione di stipendi, tour elettorali nelle piazze e con i camper, candidati incensurati, adesso ci vengono tutti dietro e copiano. A scuola di solito si copiava dal più bravo, si vede che lo siamo.
Cosa ne pensa dell'eventuale abolizione delle province e della riduzione dei rappresentanti politici in generale?
Il Governo ha emendato la riduzione dei consiglieri regionali in FVG da 59 a 49. E' un buon inizio ma assolutamente non basta. Che senso hanno 4 Province in una Regione di 1.200.000 abitanti? Questa è la vera demagogia. Preferivo comunque un impegno maggiore a cambiare la legge elettorale in primis e poi tutto il resto. Che senso ha mettere capolista al Senato in Fvg Silvio Berlusconi? O Gianfranco Fini? O Antonio Ingroia? Quanto ne sanno del nostro territorio? Quante volte lo visiteranno? Logiche vecchie e che puzzano di stantio e di raggiro che per l'ennesima volta si perpetrerà ai danni del cittadino.
Cosa fare sul fronte occupazionale, anche in Fvg?
Rilancio immediato delle Pmi, vero valore lavorativo del territorio (iva per cassa, riduzione dell'imposizione fiscale, agevolazioni per le nuove assunzioni, corsi di formazione per giovani e meno giovani); riqualificazione ambientale/energetica agevolata (indotto per nuovi posti di lavoro); rilancio del sistema agricolo sano (no ogm, sì km zero) e del bosco; fermare le aziende friulane che si trasferisco nella vicina Slovenia ed Austria poichè attratte da condizioni sicuramente più vantaggiose. Il nostro pensiero è open source, replicabile e copiabile da tutti: che tutti quindi ci diano una mano con buone idee. Non vogliamo fare coalizioni con nessuno, ma nessuno ci vieta di attingere ed applicare un ottimo spunto, che esso venga da destra, dal centro o da sinistra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento