Rientrati in Fvg con il rieletto presidente nazionale i volontari di Fare Verde

Dal FVG nuovo impegno per “dare voce a chi non vota: animali, Natura, generazioni future”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Rientrati in Friuli Venezia Giulia i volontari di Fare Verde che hanno partecipato all’Assemblea Nazionale svoltasi a Fontana Liri (FR) nello scorso fine settimana. L’associazione ambientalista, che quest’anno compie trentuno anni di vita ed é presente in tutte le Regioni d’Italia, ha visto una folta partecipazione anche dal Friuli Venezia Giulia (Udine, Cividale, Monfalcone, Cormons) di volontari, dopo le recenti e ben riuscite iniziative a Marina Julia, Isola della Cona, Grado e le riunioni organizzative di Cividale e Cormons. Delegazione guidata dal rieletto Presidente Nazionale, avv. Francesco Greco, docente di Diritto ed Economia presso l’ISIS “D’Aronco” di Gemona del Friuli e cividalese d’adozione. L’assise, nel corso di un convegno d’introduzione, ha dibattuto su “La difficoltà giudiziaria nella tutela dell’Ambiente”, durante il quale sono state illustrate le modifiche introdotte dal “Decreto Madia” sulla trasparenza amministrativa, con l’ausilio dell’avv. Emiliano Santaroni di Fare Verde sulle modalità per esercitare il diritto all’accesso agli atti. Al termine il Sindaco Gianpio Sarracco, ha presentato la De. C.O. di Fontana Liri, Denominazione Comunale di Origine, e con degustazione di prodotti locali per informare i cittadini che le produzioni a km zero oltre a rispettare la Natura con specifici disciplinari sono anche virtuose per l’ambiente, in quanto fanno produrre meno CO2 ed un minore consumo di carburante fossile. Fontana Liri per due giorni è stata al centro dell’attenzione internazionale, visto che la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea ha concesso il proprio patrocinio ai lavori del Congresso. Fare Verde, dal canto suo, produrrà specifiche riflessioni sulla Direttiva Europea 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti e sulla Sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea (Causa C - 196/13) che constata un inadempimento da parte del'Italia in materia di gestione dei rifiuti. Entusiasmo, partecipazione e rinnovata voglia d’agire hanno galvanizzato i volontari Friulani, Bisiachi e Giuliani partecipanti, convinti che, come detto dal Responsabile del Gruppo FV di Monfalcone, Daniele Calderone, “la possibilità di confronto con le varie realtà di FV italiane ha rafforzato la convinzione nelle battaglie sino ad ora intraprese a tutela del Mare, del litorale, della raccolta differenziata dei RSU. Inoltre, la presenza sul territorio del Presidente Nazionale, Francesco Greco, rieletto all’unanimità, permette al FVG di poter lavorare intensamente per dar voce a tutte quelle realtà “che non votano”: animali, Natura, generazioni future”.

Torna su
UdineToday è in caricamento