Due ore sotto la pioggia incantati da Ben Harper al No Borders Music Festival

3.500 persone ai laghi di Fusine ammaliate ieri pomeriggio dalla voce e dalla chitarra della leggenda californiana

Come la pioggia unisce la terra e il cielo, la vera buona musica unisce i cuori delle persone. È quello che successo ieri ai Laghi di Fusine nel comprensorio del Tarvisiano, al confine tra Italia, Slovenia e Austria, quando 3.500 persone (concerto soldout da mesi) hanno resistito per due ore alla pioggia copiosa caduta dall’inizio alla fine dell’esclusivo concerto, voce e chitarra, di Ben Harper, uno tra i più importanti cantautori, chitarristi e performer di tutti i tempi, vincitore di 3 Grammy Awards.

Il concerto

Un artista semplicemente straordinario con un pubblico ancor più straordinario che lo ha seguito e applaudito costantemente incoraggiandolo a non fermarsi e a regalare emozioni, che difficilmente si possono provare in una giornata normale. Una scaletta che ha ripercorso buona parte del suo immenso repertorio spaziando dai brani storici (Diamonds on the inside, Welcome to the Cruel World, When It’s Good, Waiting For You) ai brani più recenti (Don’t Give Up on m, Call It What Is) e nowe anche all’ultimo album “No Mercy in this land”, pubblicato pochi mesi fa assieme all’icona Charlie Musselwhite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rassegna

Con un concerto epico, indescrivibile e indimenticabile, che entra di diritto nella storia dei live in Italia dell’ultimo decennio, si è conclusa la 23esima edizione del No Borders Music Festival, la celebre rassegna – organizzata dal Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, di Sella Nevea e di Passo Pramollo in collaborazione con la Regione Fvg e Promoturismo Fvg – che per 3 weekend ha valorizzato la (buona) musica quale forma culturale oltre i confini geografici, linguistici e sociali, promuovendo attraverso di essa le bellezze naturali di un comprensorio davvero unico, in grado di attirare oltre 30.000 spettatori da tutta Italia e tutta Europa e in grado di proporre star internazionali e nazionali del calibro di Ben Harper, Yann Tiersen, Richard Galliano, Brunori Sas, Omar Pedrini, Jake Bugg, Goran Bregovic, Kruder e Dorfmeister e tanti altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • Carlo Cracco stringe una collaborazione con un'azienda friulana

Torna su
UdineToday è in caricamento