A Udine la prima scuola professionale di osteopatia

Arriva un percorso completo di cinque anni per formare medici e fisioterapisti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Prende il via a Udine la prima scuola professionale completa di osteopatia. EOM Italia, l’Escuela de osteopatia de Madrid che ha cinque sedi sul territorio nazionale, avvierà dal 27 settembre un percorso quinquennale rivolto a laureati in medicina e chirurgia e laureati in fisioterapia, che si svolgerà nella sede di via Pracchiuso della Sanipro, società di formazione in ambito sanitario che collabora con EOM per la parte logistica. Il percorso, che rispetta gli standard europei, si comporrà di un master universitario di primo livello in osteopatia nelle disfunzioni muscolo-scheletriche e di un triennio di specializzazione, che consentirà di trovare sbocco in attività sanitarie sia in strutture pubbliche che private, alla luce della crescente domanda della società per le cure fisioterapiche convenzionali e non. Il master porterà ad approfondire i principi che governano i meccanismi di controllo del sistema neuro-muscolo-scheletrico, identificando la disfunzione dei distretti corporei associati alle varie patologie e proponendo modalità di correzione. Nel triennio verranno invece approfonditi gli altri aspetti del corpo, dalla zona viscerale al sistema nervoso vegetativo, dall’osteopatia arteriale a quella pediatrica. Spiega il coordinatore della sede udinese, Simone Milocco: “La scuola di EOM, che è la più grande realtà formativa esistente al mondo con sedi sparse in Europa, Asia e America, è partita a Udine tre anni fa, ma solo con il master biennale. Chi voleva completare il ciclo di studi quinquennale doveva spostarsi nella sede più vicina, che è in provincia di Verona, o in una delle altre sedi sparse sul territorio nazionale a Torino, Savona e Roma. Da quest’anno tutto il percorso potrà essere compiuto a Udine, con lezioni frontali ed esercitazioni in cui gli allievi potranno approfondire le tecniche osteopatiche, esercitandosi sotto la guida dei docenti. Un investimento che EOM compie per portare la formazione anche ai medici e fisioterapisti del Nordest. Nel percorso didattico sono previsti anche stage in Italia in 20 ambulatori accreditati dall’Università di Verona e l’opportunità di fare esperienza all’estero in una delle sedi internazionali, perfezionando le competenze acquisite”. EOM, sede di Udine, in tre anni di vita è diventata il punto di riferimento per il Friuli Venezia Giulia, il Veneto orientale (soprattutto Belluno e Treviso) e il Trentino Alto Adige, ma anche per l’Emilia Romagna. Oltre ad essere l’unica nella regione ad avere avviato un master, è una struttura all’avanguardia, dotata di attrezzature innovative per lo svolgimento della didattica multimediale, con un team docente di fama internazionale con esperienza clinica, di docenza e ricerca. Tra i nomi di punta Franҫois Ricard, fondatore e direttore della Escuela de osteopatia di Madrid, uno degli autori più prolifici nel mondo dell’osteopatia, con più di 20 pubblicazioni e numerosi articoli su riviste indicizzate. Il master, promosso in collaborazione con l’Università di Verona, partirà nel gennaio 2019 e le iscrizioni saranno aperte fino al 26 ottobre. Sarà diretto dal professor Nicola Smania, medico con una lunga esperienza professionale nel campo della riabilitazione neurologica, avrà durata biennale e prevede la frequenza obbligatoria per almeno l’80 per cento delle lezioni. A seguito della partecipazione alle lezioni, del superamento delle prove finali e delle necessarie ore di attività pratica, l’Università rilascia agli allievi 142 crediti Cfu. EOM Italia è una scuola di formazione osteopatica, fondata dal fisioterapista e osteopata Andrea Turrina, che nel 2018 ha ospitato più di 600 studenti e segue l’impronta della sede centrale in Spagna: il suo impegno è quello di collaborare con le istituzioni e confrontarsi con il mondo accademico universitario per lo sviluppo della ricerca scientifica.

Torna su
UdineToday è in caricamento