Il Friuli protagonista nel primo Starbucks italiano

La comunicazione nel locale milanese “viaggia” sul display a palette costruiti e pensati dalla Solari

La prima caffetteria firmata Starbucks in Italia ha molto Friuli al suo interno. Comunicherà infatti con i propri clienti attraverso il display a palette progettato e prodotto dalla Solari di Udine.

Il sistema

Si chiama Reserve Roastery, il nuovo format del colosso mondiale del caffè di Seattle, che oggi apre al pubblico in piazza Cordusio a Milano, per la prima volta in Italia. All’interno dei 2.300 metri quadri dello storico palazzo delle Poste a due passi dal Duomo, è ben visibile fin dall’ingresso il pannello a palette realizzato da Solari. Negli aeroporti e nelle stazioni di tutto il mondo il rumore dei display orari in aggiornamento è diventato un’icona del viaggiare: ecco perché Starbucks ha deciso di comunicare nello stesso modo evocativo con i propri clienti.

La folla in coda per entrare da Starbucks

Il tabellone

Largo oltre quattro metri e alto più di due, il tabellone contiene 13 righe di testo e 64 colonne di lettere e numeri e sarà aggiornato quotidianamente o più volte al giorno con promozioni, offerte, menù e con tutte le comunicazioni ai clienti che il locale vorrà dare. Ci sono voluti circa 6 mesi di lavoro per realizzarlo nello stabilimento di Udine di Solari: il display è colorato con una vernice speciale proveniente da Londra, un verde particolare e scelto ad hoc in base allo stile  e agli arredi del locale che niente hanno a che fare con il format internazionale a cui siamo abituati, ma che sono un tributo al made in Italy.

Paniccia

“Il progetto per la Roastery è partito nel 2014 – racconta il Presidente di Solari Massimo Paniccia – collaboriamo direttamente con l’headquarter Starbucks per cui abbiamo già realizzato due display per i locali di Seattle (città madre della multinazionale) e Shangai. L’obiettivo è quello di veicolare l’emozione del viaggio legata al caffè. Quale migliore oggetto, quindi, se non i tabelloni che fanno viaggiare da sempre miliardi di persone nel mondo.”

Nuovi progetti


In questi giorni Solari sta testando il display per il nuovo Starbucks di Tokyo. “La roastery di Milano è una sfida meravigliosa per Solari. Lavorare al fianco della multinazionale – spiega Katia Bredeon, marketing manager – è un’esperienza unica: apprezzano il nostro saper fare e la capacità tutta italiana di unire artigianalità, stile ed eccellenza. Sono stati capaci di trasmettere un innato senso di appartenenza nella realizzazione di un progetto che per la stessa Starbucks è un sogno che si avvera, come ha detto più volte il fondatore Howard Schultz durante l’evento di inaugurazione dedicato ai partner.”

Unicità

Il management di Starbucks ha saputo coinvolgere le migliori aziende italiane del settore che, coordinate dai loro architetti progettisti e project manager, hanno collaborato per un anno e mezzo alla realizzazione di una vera e propria opera d’arte. “Il nostro display, infatti, è diverso e unico dagli altri per la dimensione e il colore che hanno scelto. Come partner Starbucks, siamo pronti a collaborare con loro per le nuove aperture previste in Italia e nel mondo con il nuovo format”.

Potrebbe interessarti

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Ristoranti vegani: dove andare in città?

  • Farmaci generici e di marca: sono davvero uguali?

  • Formiche in casa, i metodi naturali per allontanarle

I più letti della settimana

  • Giallo sulla morte di Anamaria, la giovane parrucchiera trovata morta in un bosco

  • Turista posteggia l'auto sul lungomare di Lignano e lascia il cane chiuso dentro

  • Tragica fatalità, agricoltore muore dopo aver acquistato un trattore

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

  • Sequestrati in provincia di Udine 100 kg di preparato per gelato scaduto

  • La Guardia di Finanza ad Aria di Festa, cucina ferma e centinaia di avventori in protesta

Torna su
UdineToday è in caricamento