menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi: negli ultimi tre mesi più di 1.200 imprese hanno chiuso

Presentati i dati Unioncamere Fvg. "Ci sono ancora troppe difficoltà, bisogna agire su credito, internazionalizzazione e innovazione". Positivo il bilancio tra imprese locali iscritte e cancellate

Ritorna positivo e sale di 334 unità, il bilancio tra imprese del Fvg iscritte e cancellate nel 2° trimestre 2013. Secondo il dato “Movimprese”, diffuso da Unioncamere nazionale ed elaborato dal Centro Studio Unioncamere Fvg. Le nuove imprese del 2° trimestre sono 1.555 in Fvg, «137 in più di quanto registrato nello stesso periodo del 2012 – precisa il presidente della Cciaa di Udine Giovanni Da Pozzo –. Si è ridotto, ma resta sempre negativo (-544) anche il saldo gennaio-giugno (erano -878 nel 1° trimestre) e purtroppo le imprese che hanno cessato l’attività nel 2° trimestre sono 1.221, 133 in più che nel 2012, il numero più negativo dallo stesso trimestre 2009».

Al Nord Italia e nel Nordest c’è anche chi “sta peggio”, ma il tasso di crescita delle imprese Fvg (+0,31%) resta inferiore alla media italiana (0,43%). «L’Italia delle imprese - dice Da Pozzo - tiene, anche se in Friuli Venezia Giulia presenta maggiori difficoltà. Pur conoscendo la complessità della situazione, questo ci sprona ad agire senza indugi, come sistema regionale, per far fronte a una situazione che presenta peculiarità anche per la posizione geografica, agendo subito sulle leve del credito e della fiscalità,  ma anche su quelle dell’internazionalizzazione, dell’innovazione e dell’aggregazione tra Pmi, perché senza imprese non ci può essere ripresa».

Al 30 giugno 2013 sono 107.871 le imprese iscritte nelle Camere di Commercio del Fvg, mentre le attive sono 95.639, toccando il minimo storico degli ultimi 13 anni. Le imprese attive sono localizzate per il 48,5% in provincia di Udine, per il 26,5% in quella di Pordenone, per il 10% in quella di Gorizia e per il 15% nella provincia di Trieste. Il 23% delle imprese attive al 30 giugno opera nel commercio, il 18% nei servizi alle imprese e distribuzione, il 17% nel primario, il 16% nelle costruzioni, il 10% nell’industria, l’8% nell’ospitalità, il 6% nei servizi alle persone.

In Fvg le società di capitali crescono dello 0,58% (+132 unità il saldo di aprile-giugno, in valore assoluto il 40% del saldo totale); sostenuta la crescita anche delle altre forme giuridiche (+2,16%, +49 imprese) e invece continuano a rallentare le ditte individuali (+0,12%, +71 imprese).

In Friuli Venezia Giulia le imprese (non cessate) che nel primo semestre hanno aperto la procedura di fallimento sono 122, di cui 43 a Udine, 38 a Pordenone, 24 a Trieste e 17 a Gorizia. Gli 11 concordati avviati nel 1.o semestre in Fvg sono 5 a Udine, 4 a Pordenone e 2 a Gorizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento