Trasporto pubblico:«In Fvg oltre 1.300 lavoratori attendono la riorganizzazione»

Per il sindacato Fit Cisl Fvg il problema maggiore sarà quello di moltiplicare le corse per la mobilità su ferro e gomma

Immagine d'archivio

La fase due riguarderà anche molto da vicino i trasporti, in quanto anche a bordo di autobus, corriere e treni saranno vietati gli assembramenti di persone. In regione, come fa sapere il segretario generale della Fit Cisl Fvg, Antonio Pittelli, oltre 1.300 lavoratori attendono una riorganizzazione dei trasporti su ferro e gomma.

Moltiplicare le corse

“Il problema maggiore – spiega – sarà quello di moltiplicare le corse in base al diradamento e ai nuovi turni che si creeranno in tutti i settori, sin da ora e a settembre ancor di più con la ripresa della scuola. E’ chiaro che la pianificazione va determinata sin da subito per non aggiungere problemi ai cittadini e non aggravare ulteriormente la condizione degli operatori della mobilità, in prima linea anche durante il lock down nell’assicurare un servizio essenziale, soprattutto a medici e infermieri”.

Sistema dei trasporti

Nella fase di ripartenza, quindi, "dovrà essere ripensato tutto il sistema dei trasporti", garantendo il massimo della sicurezza attraverso il distanziamento sociale e la sanificazione dei mezzi e dei luoghi di attesa sia del pubblico, che dei lavoratori. “Tutto ciò non sarà affatto semplice”, incalza Pittelli, sollecitando un piano riorganizzativo sia del trasporto, sia del lavoro, con il pieno coinvolgimento delle parti sociali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Smart working

“Specialmente in questa prima fase, con tutte le scuole chiuse, si dovrà valutare la possibilità di potenziare lo smart working, probabilmente ripensandone i modi e la forma, ma si dovrà anche discutere di part-time e nuovi tipi di flessibilità. Con la chiara consapevolezza della grande articolazione del comparto mobilità che conta anche i lavoratori delle officine, della manutenzione, della circolazione, e degli appalti di pulizie. Tutti ugualmente importanti”, conclude il segretario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento