Anziani contagiati, «Si punti sulle convenzioni con gli alberghi»

La Uil pensionati Fvg e lo Spi bocciano l'idea di una nave ospedale per le persone anziane risultate positive e puntano su una convenzione con gli hotel

Immagine d'archivio

"La scelta di ricorrere a una nave per accogliere gli anziani contagiati da Covid-19 rappresenta un’ipotesi non condivisibile per vari motivi, primo fra tutti i tempi necessari per sistemare e adeguare spazi, servizi e attrezzature. Di fronte all’emergenza in atto, perdere altri giorni non sarebbe certo indolore", dichiarano Magda Gruarin della Uil pensionati Fvg e Roberto Treu dello Spi Cgil.

Case di riposo

Le sigle, inoltre, dichiarano che hanno "già denunciato ritardi e sottovalutazioni nel monitorare e comprendere l’andamento dell’epidemia nelle case di riposo, nonostante che sin dai primi di marzo avessimo unitariamente sollecitato la Giunta regionale a istituire una task force per gestire questa specifica emergenza. Abbiamo poi contestato con forza la direttiva regionale che prevedeva di mantenere nelle case di riposo gli ospiti contagiati, anche laddove non esisteva la possibilità di isolamento, sottolineando inoltre l’importanza dell’informazione e della formazione al personale diretto e indiretto operante nelle case di riposo".

Strutture ad hoc

"Ritardi, errori e lacune hanno contribuito al dilagare del contagio e purtroppo dei decessi", criticano i sindacati, che ricordano anche la loro richiesta di una struttura ad hoc per ricoverare i contagiati, alla quale gli è stato risposto "che era meglio tenerli nelle attuali residenze per non compromettere il loro stato psicofisico: oggi si propone, invece, di trasferirli nella cabina di un traghetto".

Alberghi

"Chiediamo di essere ascoltati per un confronto costruttivo sulle varie ipotesi in campo, tenendo soprattutto presente che, in una città come Trieste, esistono moltissime strutture alberghiere vuote e disponibili a svolgere questa ospitalità – continuano le sigle –. Va anche ricordato che l’Anci nazionale ha predisposto una proposta di convenzione tipo con hotel e alberghi da applicare su tutto il territorio nazionale, già accolta da molte regioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le richieste

I sindacati, quindi, chiedono alla Regione un ripensamento sulla nave ospedale per gli anziani contagiati, "ribadendo la nostra piena disponibilità a interloquire con l’assessore regionale e con le direzioni delle Aziende sanitarie in maniera stringente, nel quadro di un vero confronto. Del resto, anche il ripensamento tardivo sulla classificazione e riorganizzazione delle case di riposo espresso dall’assessore conferma che le osservazioni e le proposte del sindacato erano corrette e di buon senso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento