menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mario Toros

Mario Toros

A Mario Toros intitolata la sede della Cisl

Un politico, un sindacalista e, prima di tutto, un uomo che manca molto alla comunità friulana: a Mario Toros, scomparso nel 2018, è stata dedicata la sede cittadina del sindacato

Di uomini così se ne sente tanto la mancanza, a livello professionale, sindacale, politico e sì, certamente anche personale. Mario Toros, scomparso a giugno 2018, è stata una di quelle figure umane di uno spessore unico. Per questo e perchè, come ha dichiarato la coordinatrice Ast Renata Della Ricca, Toros è stato un “sindacalista e politico di altissimo livello, sempre attento agli ultimi”, a lui è stata intitolata la sede della Cisl di Udine, in via Ciconi. 

La cerimonia

Un atto non solo dovuto, ma soprattutto un riconoscimento e un ringraziamento fortemente sentito per quello che è stato un uomo – politico e sindacalista – brillante e di rara sensibilità. La cerimonia di intitolazione si è svolta alla presenza delle autorità, di chi l’ha conosciuto e apprezzato e della segretaria nazionale della Cisl, Annamaria Furlan.
«Vogliamo così ricordare – commenta la coordinatrice di Ast, Renata Della Ricca - il sindacalista, tra i fondatori della Cisl di Udine, il politico e il ministro del lavoro ai tempi di Aldo Moro, apprezzato da tutti per il suo impegno nei confronti del Friuli, in particolare nella fase del post terremoto. Mario Toros aveva una formazione culturale e valoriale tale da saper mettere al centro la persona e la comunità, a partire dall’attenzione agli ultimi e dal riscatto delle minoranze».

La Cisl

"Con il suo operato – si legge in una nota della Cisl - Toros ha dimostrato come il sentirsi parte di una comunità umana e culturale significhi impegnarsi in ogni momento e situazione con la coscienza di essere al servizio del bene comune. Solo così si coglie l’insieme e si fa il bene del Paese e del Friuli. Questo modo di fare politica oggi sarebbe più che mai necessario considerati i gravi problemi sociali ed economici che attanagliano il nostro territorio".
«Il lavoro che scarseggia, la profonda crisi del manifatturiero, i giovani costretti ad emigrare e le culle vuote. Ci vorrebbe proprio una classe dirigente capace di visione per dare un futuro degno alla nostra terra: servirebbero persone come Mario Toros», afferma ancora Renata Della Ricca, ricordando una frase particolarmente significativa del sindacalista: "Non dobbiamo dimenticare il passato ma nello stesso tempo è nostro dovere guardare al futuro, alle nuove generazioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Tutti a vaccinarsi, mega coda in Fiera a Udine

Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento