Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Insulti e svastiche sul muro della casa che ospita i migranti, ma è quella sbagliata

L'arrivo di un gruppo di stranieri nel comune di Povoletto aveva già creato delle tensioni tra gli abitanti. Nel corso della notte del 14 maggio qualcuno ha imbrattato una casa con svastiche e insulti. Il sindaco non commenta l'accaduto

Svastiche e scritte contro i migranti sul muro di cinta di una casa a Povoletto. Nel comune alle porte di Udine l'arrivo di un gruppo di stranieri ha causato delle tensioni tra i cittadini, fino a ieri solamente a livello dialettico. Nella notte del 14 maggio si è invece passati all'azione: è stata infatti imbrattato il muro di un'abitazione con croci uncinate e scritte di stampo razzista.

La casa sbagliata

Come mai proprio quel posto? La casa è stata scambiata per la dimora dove sono stati accolti i migranti, che si trova in realtà accanto allo stabile preso di mira. Il personale del Comune sta procedendo alla cancellazione delle scritte. Il sindaco di Povoletto, Andrea Romito, cercato al telefono per un commento sulla vicenda ha preferito non rilasciare alcuna dichiarazione. 

La situazione

Diversi cittadini del comune, sfogandosi sui social, lamentano di non essere stati avvisati dell'arrivo del gruppo - che dovrebbe essere costituito da circa otto persone -. Gli stranieri sono stati ospitati in una casa privata nella frazione di Marsure di Sotto, e sono stati visti spesso passeggiare nella zona del parco comunale e nella pista ciclabile che collega la frazione al paese di Povoletto. Da parte della popolazione si invoca più chiarezza riguardo alla vicenda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insulti e svastiche sul muro della casa che ospita i migranti, ma è quella sbagliata

UdineToday è in caricamento