menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Ricatto a luci rosse da 4.000 euro, imprenditore salvato dai Carabinieri

E' successo a Gonars, quando per un facoltoso imprenditore, dopo un rapporto sessuale a pagamento con una giovane donna, è scattato il ricatto. Determinante l'intervento dei Carabinieri di Palmanova

Una pericolosa avventura che ha visto come vittima un rampante imprenditore friulano. Non stiamo parlando di un investimento finanziario rischioso, ma di un incontro a luci rosse che poteva avere conseguenze drammatiche per l'uomo.

L'accaduto

Infatti una giovane della Sierra Leone, che si era concessa all'uomo d'affari per una prestazione sessuale a pagamento, all'insaputa del facoltoso cliente ha filmato, di nascosto, il loro incontro amoroso e al momento dei saluti lo ha minacciato di diffondere il loro video sul web se non gli avesse consegnato subito 4000 euro.

L'uomo se ne è andato sbattendo la porta, ma poco dopo è stato nuovamente raggiunto da una telefonata. Stavolta era un'altra voce femminile che lo minacciava di diffondere subito il video se non fosse ritornato indietro a consegnare i soldi alla sua amica.

La denuncia

Vistosi spacciato, l'imprenditore ha denunciato tutto ai carabinieri della stazione di Palmanova. I militari, coordinati dal Comandante luogotenente Vittorio La Notte hanno immediatamente rintracciato l'esuberante attrice hard, una 33enne originaria della Sierra Leone e la hanno arrestata per estorsione.

A finire nei guai anche la complice che lo ha minacciato al telefono, anche lei un'africana di 29 anni, che è stata denunciata a piede libero per lo stesso reato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Tutti a vaccinarsi, mega coda in Fiera a Udine

Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento