Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Via Nicolò Lionello, 1

Il palazzo del Comune di Udine si fa bello, oltre due milioni di euro per la ristrutturazione

Approvato il progetto per riqualificare palazzo d'Aronco, previsti quattro interventi consecutivi: facciate, serramenti, tetto e sottoportici

Proseguono le iniziative dell'amministrazione comunale di recupero del patrimonio edilizio della città di Udine. Dopo il Castello adesso tocca a Palazzo d'Aronco, che fu realizzato dall'omonimo architetto fra il 1910 e il 1932. Sono quattro gli interventi per l’opera di riqualificazione prevista per la sede del Comune cui la giunta ha dato il via libera. L’importo complessivo dei lavori è di due milioni e 100mila euro, di cui un milione e mezzo solo per le facciate. Ma si ripristineranno anche i serramenti, il tetto e i sottoportici. Il progetto è solo nella fase di fattibilità, i lavori sono previsti per il prossimo anno e potrebbero avere una durata di circa dieci mesi. Mesi in cui ila sede comunale avrà probabilmente impalcature su tutte e quattro le facciate, tranne quando si interverrà nei sottoportici dove i ponteggi esterni non saranno necessari.

Il vice sindaco Loris Michelini: “Verranno effettuati interventi di restauro alla parte intonacata, alla parte in pietra, alla lattoneria presente sulle facciate, al camino dell’ex centrale termica e a alla parte della campana dell’Arengo. Le metodologie dell’intervento sono state concertate con la Soprintendenza e le Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia per garantire l’effettuazione di lavori non invasivi e pienamente rispettosi del patrimonio artistico e culturale”. Ancora Michelini: “Palazzo D’Aronco costituisce un fiore all’occhiello per la nostra città ed è doveroso che venga preservato e valorizzato. Alcune parti iniziavano ad essere intaccate da piccoli ma non trascurabili segnali di usura e deperimento".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il palazzo del Comune di Udine si fa bello, oltre due milioni di euro per la ristrutturazione

UdineToday è in caricamento