rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca

Più friulano a scuola per tenerlo vivo, Fontanini: "Una battaglia di civiltà"

“Il calo demografico e la progressiva dispersione del patrimonio identitario e culturale della lingua friulana sono due fenomeni allarmanti che viaggiano parallelamente" ha detto il sindaco

L'insegnamento a scuola è lo strumento fondamentale per salvare la lingua friulana e arrestare la progressiva riduzione del numero dei parlanti. È questo il concetto-cardine emerso nella prima parte della terza Conferenza regionale, ospitata all'auditorium Comelli di Udine. Gli esponenti delle istituzioni lo hanno detto chiaro e forte, entrando subito nel vivo del dibattito coordinato da Emanuele Zanon, il consigliere regionale delegato dal presidente Piero Mauro Zanin a organizzare l'importante assemblea, incaricata di fare il punto sulle politiche linguistiche relative alla marilenghe.

Fontanini

“Il calo demografico e la progressiva dispersione del patrimonio identitario e culturale della lingua friulana sono due fenomeni allarmanti che viaggiano parallelamente: la Regione deve fare di più, assegnando alla scuola un ruolo centrale nell’insegnamento del friulano. Soprattutto nella scuola dell’infanzia, spesso, si verificano episodi che, di fatto, soffocano sul nascere la riscoperta della nostra lingua e la conquista di una piena consapevolezza della nostra storia. Dobbiamo riscoprire l’orgoglio di essere friulani e la scuola è semplicemente imprescindibile nel percorso di crescita dei bambini”. Così Pietro Fontanini, sindaco di Udine, sul tema. “Anche da parlamentare – ancora Fontanini – sono stato tra i principali promotori della norma per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana. Il ruolo della didattica non può e non deve essere messo in secondo piano: il mio appello, esteso a tutti, non solo alla Regione, è di investire con più convinzione in questa battaglia di civiltà. Rivendichiamo con fierezza la nostra specialità”.  
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più friulano a scuola per tenerlo vivo, Fontanini: "Una battaglia di civiltà"

UdineToday è in caricamento