menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perseguita una donna da tempo: assolto perché incapace di intendere e volere

Si tratta di un 55enne friulano, seguito dal Centro di salute mentale. Applicata nei suoi confronti la misura di sicurezza della libertà vigilata

“Totalmente incapace di intendere e volere”.  Per questo un 55enne friulano è stato assolto ieri dal gup del tribunale di Udine - Francesco Florit - dall'accusa di stalking.

LA VICENDA. Seguito da anni dal centro di salute mentale, l'uomo si era invaghito da tempo di una udinese incrociata per strada, e aveva cominciato a seguirla in maniera ossessiva, compiendo nei suoi confronti una serie di atti persecutori che erano già sfociati in una prima denuncia. Dopo un periodo di apparente calma, l'uomo aveva ricominciato ad appostarsi davanti alla casa della donna, e a lasciarle dei messaggi dal contenuto sentimentale in segreteria telefonica. Questo comportamento aveva causato uno stato di ansia nella donna. 

IL PROCESSO. L’uomo per fatti analoghi era già stato dichiarato non imputabile. Accolta la richiesta della difesa, il gup lo ha assolto perché il fatto è stato commesso, appunto, da persona non imputabile, applicando nei suoi confronti la misura di sicurezza della libertà vigilata per un anno con obbligo di presentazione ai servizi sociali e di seguire le indicazioni del Centro di salute mentale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento