Indagine in corso a Palermo, perquisita la casa di Maurizio Zamparini

Le fiamme gialle sono entrate in azione nell'ambito di un'inchiesta in cui si ipotizzano i reati di falso in bilancio, appropriazione indebita, riciclaggio e autoriciclaggio. Fiamme gialle anche nella sede del Palermo. Il patron: "Questo perché non ho venduto la società a Baccaglini". La Procura: "Indagine non legata alla cessione"

Nuove grane per  l'Unione Sportiva Città di Palermo del presidente friulano Zamparini. Come riporta PalermoToday la guardia di finanza si trova nella sede della società per una serie di perquisizioni nell'ambito di un'inchiesta in cui si ipotizzano i reati di falso in bilancio, appropriazione indebita, riciclaggio e autoriciclaggio. Le perquisizioni hanno riguardato anche gli uffici del gruppo Zamparini e l'abitazione del presidente Maurizio Zamparini. Gli uomini della guardia di finanza sono arrivate stamattina presto, in abiti civili, quando allo stadio c'erano solo i magazzinieri intenti a preparare il tir pronto a partire per il ritiro austriaco.

La difesa di Zamparini

"Ho la Guardia di Finanza in tutte le mie case e nella sede del Palermo perché non ho ceduto la Società a Baccaglini - ha detto Zamparini -. Siccome sembra che venerdì scorso un Pm abbia detto che se io non avessi venduto il Palermo a Baccaglini mi avrebbe arrestato, probabilmente il motivo è questo. Falso in bilancio? Ma per l'amor di Dio, non c'è assolutamente nulla, sono anni che sono a Palermo ed è tutto sotto controllo. Sono una delle persone più oneste del calcio italiano. Ora blocco il calciomercato e comunque del Palermo non me ne frega un ca… ”.

Appena ieri Zamparini aveva fatto chiarezza sulla trattativa che avrebbe dovuto portare il Palermo a Baccaglini. "La cifra offerta è stata di 20 milioni di euro - aveva detto il patron friulano - e il pagamento si sarebbe chiuso soltanto nel 2020". Il 30 luglio di quell'anno, infatti, secondo l'offerta presentata da Baccaglini, sarebbe avvenuto il pagamento dell'ultima tranche di cinque milioni di euro. Il piano non è stato accettato e Zamparini è rimasto l'unico proprietario del club, che al momento vede la maggioranza del Cda dimissionaria: una mossa che ha portato alla decadenza automatica di Baccaglini dal ruolo di presidente che aveva assunto alcuni mesi fa.

L'indagine della Procura di Palermo

A smentire le parole del patron arriva però una nota del procuratore di Palermo Francesco Lo Voi in cui si precisa che le perquisizioi sono state disposte "nell'ambito di un procedimento penale nei confronti di diversi indagati per i reati di appropriazione indebita, riciclaggio, impiego di proventi di provenienza illecita, auto riciclaggio, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte e falso in bilancio aggravato dalla trans nazionalità". "E' opportuno precisare altresì - aggiungono gli inquirenti - che l'oggetto delle indagini preliminari in corso non riguarda le vicende relative alla cessione del Palermo Calcio".
Stadio Palermo-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quattro rimedi naturali per allontanare le cimici da casa

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

Torna su
UdineToday è in caricamento