menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Viotto allo stadio

Roberto Viotto allo stadio

Addio a Roberto Viotto, storico fotografo dell’Udinese

Il ricordo di una grande passione. L’estremo saluto, martedì prossimo a Cussignacco

Il grande cuore di Roberto Viotto non ce l’ha fatta: ha ceduto alle 4 di questa notte. Lo storico fotografo dell’Udinese aveva compiuto da pochi giorni 70 anni.

La carriera

Roberto aveva dedicato 40 anni della sua vita alla fotografia di attualità, con particolare riferimento agli eventi e ai protagonisti del calcio della serie A e delle serie minori. Aveva collaborato con le testate di numerosi quotidiani, periodici, agenzie di stampa, televisioni, siti web e social. Con maggiore frequenza aveva lavorato per il Gazzettino e per il Messaggero Veneto. Molte immagini da lui scattate figurano anche in libri e manuali del calcio.
Le sue foto, in campo e fuori, spesso sfidando le intemperie e i rigori delle stagioni più impegnative, sono la testimonianza di una capacità professionale e di una passione che non lo aveva mai abbandonato, nemmeno nei momenti in cui le condizioni di salute non glielo avrebbero permesso. Tra i suoi scoop la foto in anteprima mondiale di Zico e Maradona, scattata a Napoli. Aveva collaborato con le associazioni della categoria dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia, compreso il Circolo della Stampa di Pordenone.

Le passioni

Aveva anche una grande passione per l’enogastronomia del Friuli. Conoscitore di vini e di cibi tipici della tradizione, documentava e divulgava anche l’evoluzione del settore e i suoi protagonisti a livello nazionale e all’estero.

La salute

Dal maggio scorso era ricoverato all’ospedale di Udine. Nonostante la malattia, non aveva perso il contatto con i parenti e gli amici, dai quali era benvoluto per la sua simpatia e per la sua generosità. Lascia la moglie Anna Angelillo, che lo ha assistito ininterrottamente condividendo con lui dolori e speranze.

I funerali

La cerimonia funebre avverrà martedì 17 luglio, alle 17, nella chiesa parrocchiale di San Martino, a Cussignacco. La salma sarà tumulata nel cimitero della frazione udinese, della quale era originario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento