Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Meningite letale, perde la vita un bambino di un anno

Il decesso del piccolo all'ospedale di Padova, dove era stato trasferito per una cura particolare dal Santa Maria della Misericordia di Udine

Risale ai primi giorni di gennaio il decesso di un bambino friulano - residente in un comune della provincia - affetto da meningite e ricoverato nella Terapia intensiva della cardiochirurgia pediatrica dell'Azienda ospedaliera di Padova.

IL DECESSO. Un'équipe di medici di terapia intensiva e di cardiochirurghi pediatrici è partita per andare a prendere il bimbo e trasferirlo a Padova dal Santa Maria della Misericordia di Udine, dove gli erano state somministrate le prime cure. Quando il piccolo è arrivato in ospedale a Padova versava già in condizioni disperate, e nulla è stato possibile, nonostante i medici abbiano fatto di tutto per salvarlo. 

L'ospedale di Padova

ospedale.padova-2

«NON UNA SEMPLICE MENINGITE». «Abbiamo fatto il possibile - ha spiegato a PadovaOggi.it il dottor Andrea Pettenazzo, direttore della Terapia intensiva pediatrica dell'Azienda ospedaliera di Padova - ma purtroppo non siamo riusciti a salvarlo. Il paziente è stato portato qui da noi perché aveva necessità di essere assistito in modo intensivo attraverso l'Ecmo, un macchinario per la circolazione extracorporea. C'è da precisare - sottolinea il professor Pettenazzo - che si è trattato di un caso particolare e ben più grave di una semplice meningite, un quadro più complesso denominato sepsi da meningococco, che provoca un'infezione diffusa a tutti gli organi».

FRIULI VENEZIA GIULIA: TRE CASI DI MENINGITE NEL 2016

«NESSUN PERICOLO DI CONTAGIO». L'Azienda ospedaliera ci tiene a specificare che non esiste un allarme a Padova: il rischio di contagio, infatti, è reale nei primi due giorni di malattia; in quel periodo il bambino si trovava ad Udine, dove è scattata la profilassi. Quando il paziente è stato trasferito, il pericolo di contagio era, invece, già remoto e non è stata necessaria alcuna misura preventiva. «Non appena abbiamo preso in carico il paziente - ha concluso il dottor Pettenazzo - ci siamo assicurati di quale fosse il suo quadro clinico e abbiamo accertato il cessato rischio di contagio».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meningite letale, perde la vita un bambino di un anno

UdineToday è in caricamento