Incendio alla Lima: rogo domato dai dipendenti

L'allarme è stato lanciato verso le 17.30 dalla sede di Villanova. Fortunatamente le fiamme sono state spente in breve tempo dagli stessi tecnici dell'azienda che produce dispositivi medici e ortopedici

Nel pomeriggio un'alta colonna di fumo, densa e nera, si è formata sopra il cielo di Villanova, ben visibile anche da alcuni chilometri di distanza. Quello che si temeva fosse un incendio molto serio in corso presso la sede della Lima Corporate Spa, ha così messo in moto l'invio di numerose squadre dei Vigili del fuoco, giunti sul posto oltre che da San Daniele, da Gemona, Spilimbergo e dal Comando di Udine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo spegnimento

A prendere fuoco è stato un macchinario posto sopra al tetto di un capannone che, per causa ancora in corso di accertamento, ha iniziato a bruciare e a generare un rogo che ha infiammato parte della guaina bituminosa che impermeabilizza lo stabilimento. Grazie all'intervento dei dipendenti, prima ancora dell'arrivo dei pompieri, i tecnici incaricati della sicurezza presenti all'interno della stessa ditta sono saliti sulla copertura e, muniti di estintori, sono riusciti a domare interamente le fiamme. Non si segnalano feriti né - fortunatamente - danni al reparto produttivo. Sul posto anche i carabinieri della Stazione di San Daniele del Friuli per i dovuti accertamenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prova la moto da cross in cortile e perde la vita

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Nuovo test per il coronavirus: la scoperta all'ospedale di Udine

  • Le fabbriche riaprono in deroga e i sindacati insorgono: proclamato lo stato di agitazione

  • Fingono di pagare la piscina ma incassano davvero il resto, denunciate per truffa

  • Al supermercato con naso e bocca coperti, l'ultima ordinanza di Fedriga

Torna su
UdineToday è in caricamento