rotate-mobile
Cronaca Via Popone, 55

Giorgio Basile è il nuovo comandante provinciale dei Vigili del fuoco

Arriva da Rovigo, con numerose esperienze in Italia e all'estero. Dal 2 settembre ha assunto l’incarico a Udine

Cambio al vertice del comando dei Vigili del fuoco di Udine, arriva da Rovigo il nuovo comandante Giorgio Basile, mentre Alberto Maiolo andrà alla direzione del corpo di Treviso. 

Chi è il nuovo comandante

Basile è un ingegnere civile, con master in protezione civile, ha frequentato nel 1998 il corso d’ingresso per funzionari a Roma. Dal 1999 ha lavorato presso il comando provinciale di Venezia, dove ha ricoperto diversi incarichi tra cui quello di vicecomandante. Formatore sia per corsi interni dei vigili del fuoco sia per corsi esterni legati all'antincendio, alla sicurezza nei luoghi di lavoro, ha preso parte a diversi convegni come relatore.  Ha partecipato a numerosi gruppi di lavoro nazionali ed internazionali nonché a missioni per grandi emergenze, in Italia a Salò, L'Aquila, Emilia, Amatrice, Norcia e Rigopiano e all’estero ad Haiti e in Cile. Nel novembre del 2018 è stato nominato dirigente e dal 2 settembre ha assunto l’incarico di comandante provinciale dei Vigili del fuoco di Udine. 

Trasparenza e coerenza, sono queste le parole cardine su cui vuole fondare i pilastri per costruire la sua esperienza lavorativa in Friuli. L'ingegner Basile ha dichiarato: "Qui ho trovato una squadra che funziona, collaborativa e volenterosa. Sono certo che sapremo lavorare insieme al meglio. L'esperienza a Venezia mi ha insegnato la gestione della complessità, un ambiente delicatissimo con tante sfaccettature: da una parte l'enorme responsabilità dei beni culturali di una città unica nel mondo, la laguna con le sue peculiarità e polo industriale di Marghera. Nella mia carriera ho maturato grandi esperienze in situazioni tragiche a seguito di terremoti, sia come  team leader USAR - Urban Search and Rescue per il soccorso di persone in caso di crolli, sia come responsabile per il recupero di beni culturali da edifici crollati." Siciliano di origine, l'ingegnere ha partecipato a diverse missioni in Itlaia e all'estero: "Dei vari interventi, devo dire che mi hanno particolarmente segnato quello a Rigopiano per la situazione emotivamente coinvolgente per la sua assurdità, sia chiaro tutte le tragedie sono assurde ma quella sembrava davvero incredibile. E poi in Cile per la famosa tempesta di fuoco del 2017. Un evento così anomalo e catastrofico  che mi ha davvero colpito". E conclude: "Non sono preoccupato per la vastità del territorio della ex provincia udinese, anche se va dal mare alle montagne. Vorrei portare avanti sia i progetti del mio predecessore, sia aprire a margini di miglioramento dove sarà possibile. Questo comando funziona e funziona bene grazie all'impegno di chi ci lavora. Non c'è nulla di peggio di un comandante solo al comando ma qui c'è uno spirito di squadra che ho già avuto modo di notare. Sono circa seicento persone tra permanenti e volontari. Sei sedi di servizio più quella centrale. E undici sedi di volontari. Sarà facile lavorare con tutti. Siamo tutti orientati verso la sicurezza del territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giorgio Basile è il nuovo comandante provinciale dei Vigili del fuoco

UdineToday è in caricamento