Caldaia difettosa, famiglia di tedeschi intossicata a Lignano

Due componenti del gruppo sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso

Una famiglia di tedeschi in vacanza a Lignano è stata vittima di intossicazione da monossido di carbonio, nella notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre, in una casa vacanze dove alloggiava. Il gruppo era composto da quattro persone: padre, madre, la figlia e genero. Gli ultimi due lei 35 anni e lui 40 anni – sono stati portati al pronto soccorso. All'origine di tutto un possibile guasto all'impianto termico di una caldaia alimentata a metano. L'allarme è scattato poco dopo l'1.30 di notte. Sul posto i vigili del fuoco volontari di Lignano Sabbiadoro, il personale sanitario del 118 e i carabinieri della stazione di Lignano.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Tre nuovi decessi da Covid19 in FVG: si tratta di due 78enni e un 59enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento