Evade per parlare con la ex, al suo rifiuto le sfascia l'auto

Arrestato nuovamente un pregiudicato 61 enne fuggito dagli arresti domiciliari 

Episodio di molestie e attenzioni indesiderate ieri pomeriggio in viale Palmanova quando un uomo, un 61enne friulano residente a Udine, è evaso dagli arresti domiciliari presentandosi davanti la porta di casa della sua ex compagna. 

Il tentativo di avvicinamento

L'uomo, già condannato per reati di resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebrezza è scappato di casa violando la misura cui era sottoposto. Voleva a tutti i costi parlare con la sua ex convivente. Al rifiuto della stessa il pregiudicato ha iniziato a dare in escandescenze prendendo di mira due vetture parcheggiate a pochi metri dalla dimora, una delle quali proprio della sua ex fidanzata. La donna, barricata in casa, senza mai aver aperto il portone e risposto agli inviti minacciosi e reiterati dell'uomo, ha così chiesto aiuto alle forze dell'ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I soccorsi

Poco dopo sono dunque giunti i militari del Radiomobile della Compagnia di Udine che hanno bloccato l'uomo molesto arrestandolo per evasione. Lo stesso è stato poi condotto presso la Casa Circondariale di Udine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio mascherina: non sarà più un obbligo né all'aperto e né al chiuso

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

Torna su
UdineToday è in caricamento