Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Udine la droga nel giardino "buono" di Gorizia, spaccio a tempo di record

Fermata un'attività che andava avanti da mesi. Tre persone colpite dalla misura cautelare dell'obbligo di dimora

 

La droga nel “giardino buono” del centro di Gorizia — il parco della Rimembranza  —, molto frequentato dai bambini della città, arrivava da Udine.  

Il pusher

Nel mirino degli inquirenti C. S., cittadino maliano domiciliato a Gorizia, che sostava a lungo sulle panchine del parco nascondendo nei cespugli vicini lo stupefacente. Nel tempo di qualche secondo avveniva lo scambio, di mano in mano. Alcuni arrivavano anche senza prendere appuntamento, chiedevano e acquistavano marijuana o hashish, sempre in piccoli quantitativi, ma con gran frequenza.

I fornitori

A rifornirlo ci pensava H. J,, nativa della Guinea e residente a Sagrado, che effettuava i viaggi a Udine per acquistare lo stupefacente. La donna, piuttosto scaltra nei sui movimenti, preferiva non incrementare troppo i quantitativi di sostanza da portare con sé, ma piuttosto recarsi ripetutamente nel capoluogo friulano. A Udine si incontrava con O. B., nativo della Nigeria, sempre disponibile a venderle lo stupefacente.  

I sequestri  

Da gennaio il nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza e la sezione antidroga della Squadra mobile si sono focalizzati sui controlli per prevenire lo spaccio nello spazio pubblico. Sono stati così effettuati i primi sequestri di stupefacente a carico degli acquirenti: cittadini locali, richiedenti asilo afghani e pachistani ospiti delle strutture di accoglienza cittadine e del Cara di Gradisca d’Isonzo, cittadini moldavi e cingalesi.

Le telecamere

Si è fatto ricorso ad una modalità d’indagine particolarmente efficace, l’utilizzo di telecamere per l’osservazione a distanza. Al parco è installata una telecamera comunale, originariamente pensata a tutela dell’arredo urbano e dei giochi, che riprende proprio l’area dove sono stati documentati gli episodi illegali.  

I provvedimenti

I tre, al termine delle attività d’indagine, sono stati raggiunti dai provvedimenti cautelari emessi dal gip isontino dell’obbligo di dimora, rispettivamente nei comuni di Sagrado, Gorizia e Udine, dove la misura è stata eseguita nei giorni scorsi. Altre denunce sono state avanzate nei confronti di soggetti presunti favoreggiatori. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento