Inchiesta Cospalat FVG: "l'indagine è frutto di un equivoco sulle analisi"

Lo ha sostenuto Renato Zampa, presidente del consorzio caseario, durante l'interrogatorio del Giudice per le indagini preliminari. La difesa a chiesto la revoca della misura cautelare adottata nei suoi confronti

"L'indagine è frutto di un equivoco sulle analisi''. E' questa l'opinione che ha espresso il presidente della Cospalat Friuli Venezia Giulia, Renato Zampa, in carcere da giovedì nell'ambito dell'inchiesta sul commercio di latte tossico, nel corso dell'interrogatorio davanti al Gip Francesco Florit.

L'interrogatorio di Zampa è durato quasi tre ore e mezza. Assistito dall'avvocato udinese Cesare Tapparo, Zampa ha risposto alle domande su tutte le contestazioni mosse dagli inquirenti. In particolare ha cercato di chiarire il nodo delle analisi su cui, a giudizio della difesa, ''e' stata fatta un po' di confusione''. ''Ci sono tre tipi di analisi - ha ricordato -. Quelle sulla massa del latte, obbligatorie per legge due volte al mese. Sono sempre state perfettamente in linea. Ci sono poi le analisi di scarico, fatte presso laboratori pubblicistici, quando il latte viene venduto ai caseifici. E anche queste sono sempre state in linea, ma gli inquirenti non sono andati a verificarle. Per questo - ha aggiunto - abbiamo chiesto che vengano recuperati o in incidente probatorio o con attività difensiva - ha indicato il legale -. E infine ci sono le autoanalisi, su cui si è creato l'equivoco. Non sono obbligatorie per legge, le ha imposte una circolare Cospalat ai suoi produttori dal 2002, con valori più rigorosi di quelli imposti dalla legge (30 parti per trilione rispetto alle 50 previste dalle norme). In tutti i casi critici - ha continuato il legale - venivano fatte delle controanalisi presso laboratori convenzionati, tutte positive, nel senso che i valori non sono stati superati''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La difesa ha quindi chiesto la revoca o attenuazione della misura cautelare adottata nei confronti di Zampa. Ora il Gip ha 48 ore di tempo per decidere sull'istanza, acquisito il parere del Pm.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

Torna su
UdineToday è in caricamento