Azienda friulana presenta a Barcellona la sua torre hi tech per le telecomunicazioni

Da Basiliano-Udine a Barcellona, passando per Expo. Calzavara presenterà oggi in anteprima, al Mobile World Congress, Dicecell, un'antenna per reti cellulari e sistemi IoT alta dai 6 e ai 18 metri che può combinare illuminazione intelligente, panchina riscaldata a recupero di calore, possibilità di ricarica per smartphone e bici elettriche e interazione con strumenti digitali informativi

La popolarità degli smartphone e di conseguenza la domanda di connettività “sempre e ovunque” hanno avuto una crescita esponenziale negli ultimi anni. Tra i primi tre mercati - Cina, Stati Uniti e India - gli Stati Uniti hanno in assoluto il primato del tasso di penetrazione degli smarthpone: il 63,5% della popolazione, infatti, ne possiede almeno uno. A livello planetario si stima che entro il 2021 il numero totale di smartphone rappresenterà oltre il 50 per cento dei dispositivi connessi. Emerge quindi chiaramente il bisogno di garantire la pervasività della connettività integrando la copertura radio offerta dai tradizionali pali e tralicci con quella generata dalle small cells, antenne più piccole ma diffuse capillarmente nel tessuto cittadino. 
 
Per rispondere a questa esigenza Calzavara SpA, azienda di Basiliano, specializzata in strutture di design per telecomunicazioni, ha progettato una nuova linea di infrastrutture intelligenti e di arredo urbano per l’implementazione delle reti cellulari e dei sistemi IoT del futuro, che richiederanno strutture più piccole ma più diffuse. Sarà presentata oggi in anteprima mondiale al grande pubblico del Mobile World Congress (27 febbraio – 2 marzo) di Barcellona Dicecell, prodotto scelto da una delle maggiori multinazionali del settore TELCO per installare le proprie soluzioni tecnologiche più innovative. 
 
Alta tra i 6 e i 18 metri, progettata per essere integrata con piazze, parchi e centri commerciali, la Dicecell è una struttura a dadi modulari triangolari dalla purezza estetica made in Italy, unita ad una funzionalità estesa, dove apparati, antenne e numerosi complementi accessori sono integrati e mascherati. L’originalità di Dicecell, che ne ha permesso anche il brevetto, è costituita dall'essere componibile, attraverso moduli destinati all’infotainment o all’illuminazione intelligente, ma anche alla sosta tramite una panchina riscaldabile a recupero di calore, piuttosto che a differenti sistemi di ricarica (ad esempio per smartphone e bici elettriche). Tutto questo mantenendo prioritaria la scelta “green”, grazie alla possibilità di installazioni di impianti fotovoltaici e generatori eolici urbani. La prima Dicecell dovrebbe essere installata nei prossimi mesi in centro a Milano portando in Italia un piccolo primato nell’innovazione legata alle smart cities. 
 
Nel 2000 Calzavara ha reinventato le strutture tradizionali per telecomunicazioni per l'arredo urbano, interpretandole come moderne torri di acciaio collocabili non più ai margini, ma al centro delle piazze delle città e nei luoghi di alto profilo. Queste strutture hanno conquistato il mondo partendo dall’Italia per essere installate nelle maggiori città dell’Arabia Saudita e Cile, fino alla celebrazione di EXPO 2015. Calzavara è stata infatti la prima azienda al mondo che ha dato alle strutture per telecomunicazioni il significato di “arredo urbano” e, proprio per questo, la Dicecell contribuirà ad arricchire i luoghi pubblici in cui verrà installata, rendendoli accoglienti e familiari.
 La Calzavara di Udine presenta al Mobile World Congress 2017 di Barcellona Dicecell, la torre di telecomunicazioni che offre servizi per i cittadini  -2

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Denudati e perquisiti al gelo: l'incubo durante il tour europeo di due musicisti friulani

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

  • Incidente mortale a Faedis, la vittima è il 56enne Michele Cabas

Torna su
UdineToday è in caricamento