Calligaris: ceduto il controllo dell'azienda friulana di design e arredamento

Dopo il 40% delle quote cedute nel 2007 ad un fondo francese, il fondo Alpha rileverà a breve la maggioranza delle azioni. Alessandro Calligaris, che continuerà a detenere una partecipazione del 20 per cento, rimarrà comunque presidente attraverso la holding Altair. In autunno la presentazione dell'operazione e i festeggiamenti del 95imo anniversario

I lavori di restyling presso la sede Calligaris a Manzano

Tra settembre e ottobre Calligaris, l'azienda friulana nota nel mondo per i suoi mobili di lusso, festeggerà 95 anni di vita. E lo farà con alcune novità. Verrà infatti inaugurato il restyling effettuato nella sede di via Trieste a Manzano e contestualmente sarà svelata la statua che verrà installata all'esterno dello stabilimento e che -con tutta probabilità- sarà dedicata ad Antonio Calligaris, fondatore della società e nonno dell'attuale presidente, Alessandro, al timone dell'azienda dal 1966 quando subentrò al padre Romeo. Oltre all'anniversario, il prossimo autunno si scriverà un nuovo capitolo nella storia della Calligaris. Sempre tra settembre e ottobre sarà infatti sancito il passaggio del suo controllo al fondo 7 Alpha Private Equity, gruppo specializzato in operazioni del segmento mid-cap in Europa continentale, con il quale è già stato sottoscritto un accordo per l’acquisizione.

I dettagli dell'accordo

Per non perdere la vocazione internazionale e le radici con la famiglia che ha portato il brand ai vertici mondiali, la famiglia Calligaris continuerà a detenere una partecipazione del 20% delle azioni attraverso la holding Altair e vedrà sempre Alessandro Calligaris mantenere il ruolo di presidente della società. “La Calligaris per essere più competitiva e svolgere un ruolo di leading player nei mercati in cui opera ha bisogno di ampliare la propria offerta con altri prodotti di arredamento - ha dichiarato Alessandro Calligaris, presidente del gruppo Calligaris- Questa strategia ha bisogno di nuove risorse ed è per questo che abbiamo chiamato il fondo Alpha a condividere con noi questo progetto”. 

Il fondo Alpha e la famiglia Calligaris proprio per rafforzare ulteriormente il ruolo di leadership internazionale farà acquisizioni mirate nel settore dell’arredamento e si espanderà nel mercato di riferimento facendo leva sull’expertise del prodotto maturato in Calligaris e sulla capillare rete di distribuzione su scala globale. Edoardo Lanzavecchia, senior partner di Alpha, ha dichiarato: “Siamo estremamente soddisfatti dell’acquisizione di Calligaris, player nel design italiano riconosciuto a livello mondiale nel settore dell’arredamento di alta gamma. Alpha supporterà il management nelle strategie di ulteriore sviluppo internazionale. Il gruppo coglierà opportunità di crescita nei mercati di riferimento e in settori attigui nell’arredamento anche attraverso acquisizioni mirate, valorizzando sinergie di distribuzione e di prodotto”.

La galassia Calligaris

L'azienda, nata nel 1923 da un piccolo laboratorio per la produzione di una sedia impagliata, è diventata in quasi un secolo di vita un'impresa e un brand di lusso e design internazionale. Sviluppa, produce, assembla e distribuisce i suoi tre brand (Calligaris, Connubia e Ditre) attraverso un network di 620 punti vendita e 3 Flagship store in 100 Paesi del globo. L’esercizio 2017 si è chiuso con un fatturato consolidato di circa 140 milioni di Euro, in crescita del 7 per cento rispetto all’esercizio precedente, e un EBITDA di circa 23 milioni. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Apre a Udine il tempio dei cocktail dove il vino è bandito

  • Cronaca

    Tutte contro Fedriga, le donne si schierano in vista del congresso sulla famiglia

  • Cronaca

    Truffa del bancomat in azione, rubati oltre 3mila euro da un conto

  • Cronaca

    Il liceo "Copernico" ha la sua associazione di ex alunni

I più letti della settimana

  • Picchia la nipote minorenne e va a letto con la madre

  • Degrado e prostituzione, chiuso un centro massaggi nell'Alto Friuli

  • Schianto mortale a Porpetto, perde la vita un motociclista

  • Apre a Udine il tempio dei cocktail dove il vino è bandito

  • "Camionisti in trattoria" annuncia il Friuli e va in onda il Veneto: è polemica

  • Incidente mortale di Porpetto, la vittima è un 25enne maranese

Torna su
UdineToday è in caricamento