Cronaca

Appalti truccati, l'ex sindaco di Premariacco potrà uscire di casa

Resta ai domiciliari, ma con alcune deroghe, l'ormai ex primo cittadino Roberto Trentin

Rimane ai domiciliari, ma con diverse deroghe l'ex sindaco di Premariacco Roberto Trentin, al centro dell'inchiesta della Guardia di Finanza su un presunto giro di appalti irregolari. Revocate invece le misure cautelari ai tecnici comunali di Premariacco e Torreano di Cividale. Lo ha deciso oggi il Gip del Tribunale di Udine, Matteo Carlisi

Le condizioni

Trentin avrà il permesso di uscire di casa per tre ore ogni tre giorni alla settimana solo per necessità primarie, emergenze o adempimenti burocratici. Potrà ricomprarsi il telefono e il computer, ma solo per contatti autorizzati, potrà ricevere le visite di figli e familiari. Il gip Carlisi ha depositato stamattina la nuova ordinanza cautelare dopo la richiesta del suo legale Guglielmo Pelizzo.

Gli altri

Per i due responsabili degli uffici tecnici del Comune di Premariacco, Veronica Del Mestre e di quello di Torreano, Bruno Previato, invece, la misura cautelare degli arresti domiciliari è stata sostituita con quella della sospensione dell’esercizio dal pubblico ufficio per un anno.

Pelizzo

Al termine dell’interrogatorio di garanzia di lunedì il legale di Trentin, aveva chiesto per il suo assistito la revoca dei domiciliari o, in subordine, una misura cautelare meno restrittiva. A suo dire erano venute meno le esigenze cautelari dal momento che Trentin, 50 anni, aveva comunicato di aver rassegnato le dimissioni dalla carica di primo cittadino poco prima dell’interrogatorio. Pur avvalendosi della facoltà di non rispondere, Trentin aveva voluto rilasciare dichiarazioni spontanee volte a chiarire il suo coinvolgimento dell’inchiesta sugli appalti illeciti condotta dalla Guardia di finanza e che, in tutto, ha iscritto a vario titolo 17 persone nel registro degli indagati.

Accuse

Le accuse mosse dal pm Annunziata Puglia nei loro confronti vanno dalla turbativa d’asta alla turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, dal peculato alla truffa aggravata ai danni di un ente pubblico, dalla falsità ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici alla falsità in testamento olografo e all’omessa denuncia di reato da parte di un pubblico ufficiale.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalti truccati, l'ex sindaco di Premariacco potrà uscire di casa

UdineToday è in caricamento