Cisilino:«Non più tollerabile disparità trattamento nella programmazione della Rai regionale»

Il presidente dell'Arlef fa notare come nella convenzione Governo-Rai siano assenti notiziari e trasmissioni televisive in marilenghe e si appella al Ministro Patuanelli

Il presidente Eros Cisilino (Foto Petrussi)

A fronte di 11milioni e 800mila euro per la sede Rai regionale, solo 200mila euro vengono investiti per la lingua friulana. "Non è più tollerabile la disparità di trattamento che subiscono i cittadini di lingua friulana nella programmazione della Rai regionale. A fine mese scadrà la Convenzione tra Governo italiano e Rai, stipulata nel 2017 e più volte prorogata, relativa alla programmazione sulla Rai regionale. Chiediamo pertanto garanzie affinché il Governo, e in particolare il Ministro competente, Stefano Patuanelli, intervenga per applicare la legge statale di tutela, ormai vecchia di oltre vent’anni e finora disattesa". Queste le parole del presidente del'Arlef, Eros Cisilino.

L'appello

L'appello del presidente dell'agenzia regionale per la lingua friulana è rivolto al Governo e all'amministratore delegato Rai, Fabrizio Salini, "per evitare che la Convenzione Rai possa essere nuovamente prorogata senza che siano corrette le palesi violazioni della normativa di tutela della lingua friulana". Con la legge 482/99, infatti, lo Stato aveva stabilito di avviare trasmissioni sia radiofoniche che televisive in friulano ma, al momento, sono previste solo alcune ore di trasmissioni radiofoniche.

arlef-10

I numeri

"Per capire – continua Cisilino – quanto poco è stato fatto finora dalle autorità centrali per la nostra comunità, è sufficiente confrontare i dati del friulano (parlato da oltre 600mila persone), con quelli dello sloveno (50mila), del ladino (30mila) e del tedesco (300mila). Per il friulano sono previste solo 90 ore annue di radiofonia, mentre per lo sloveno 4.517 ore, per il ladino 352 e per il tedesco 5.300. Se passiamo alle ore di televisione, il friulano è a 0, mentre sono previste 208 ore per lo sloveno, 100 per il ladino e 760 per il tedesco. Per il friulano, inoltre, non sono previste trasmissioni di tipo informativo, basilari per la promozione di una lingua minoritaria. Infine, se ci concentriamo sugli investimenti, a fronte di 11.800.000 euro per la Sede Rai regionale, solo 200.000 euro vengono investiti per il friulano, mentre gli altri finanziamenti vanno alle trasmissioni in sloveno e italiano. Mi sembra quindi macroscopica l’ingiustizia che sta subendo la nostra lingua. Sia ben chiaro – conclude Cisilino – che non chiediamo di rivedere al ribasso le ore per le altre minoranze, ma pretendiamo che siano stanziati dal Governo idonei fondi per lo meno per garantire al friulano la medesima presenza prevista per la lingua ladina. Per questo anche l’ARLeF dà il suo sostegno e si unisce alla azione che stanno svolgendo il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, e l’assessore alle Minoranze linguistiche della Regione, Pierpaolo Roberti, per chiedere un immediato confronto al Governo e alla Rai su questa delicata tematica, oggetto a suo tempo di una petizione rivolta al Governo da oltre 70 sindaci aderenti all’Assemblea di Comunità linguistica friulana, recentemente ribadita dal presidente della stessa, Markus Maurmair".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Nuovo record di contagi in FVG, oggi 1432 nuovi positivi e 25 morti

  • Niente spostamenti a Natale e Capodanno, vietato uscire dal Comune

Torna su
UdineToday è in caricamento