Cronaca

Musica alta durante la notte: intervengono gli agenti di polizia, madre e figlio li aggrediscono

L'episodio si è verificato domenica notte in un quartiere di Udine Est: quando gli agenti della Questura sono intervenuti nell'abitazione, madre e figlio hanno dato in escandescenze

Musica troppo alta per l'orario: all'una di notte di domenica 18 aprile, alcuni residenti si sono dovuti rivolgere alle forze dell'ordine perché da un appartamento di un condominio nella zona nord-est di Udine il volume della musica continuava ad essere eccessivo. Una volta sul posto, però, gli agenti sono stati aggrediti.

I fatti

Verso l'1 di domenica notte,18 aprile, gli agenti di una Volante della Questura di Udine sono intervenuti in un condominio nella zona nord-est della città a seguito di segnalazione per musica ad alto volume. Appena giunti sul posto è stato evidente il motivo della segnalazione, visto che gli agenti hanno immediatamente sentito la musica  provenire da un appartamento al quarto piano del condominio indicato. Giunti al piano i poliziotti hanno suonato e bussato più volte: pur essendo stata abbassata la musica, nessuno, nonostante si udissero chiaramente persone parlare all’interno dell’abitazione, ha inizialmente aperto la porta. Solo dopo 10 minuti i tre residenti si sono decisi ad aprire: una donna, cittadina italiana 45enne, il figlio 23enne della stessa e il compagno di lei. Madre e figlio, una volta aperta la porta agli agenti di polizia, hanno cominciato ad inveire contro di loro, mentre il compagno della donna cercava di calmarli.

L'aggressione e l'arresto

La donna e il giovane hanno aggredito sia verbalmente, con improperi, offese e minacce, che fisicamente, i poliziotti intervenuti. La donna ha infatto cercato di colpirli con una bottiglia di vetro, facendo nascere una colluttazione a seguito della quale i due sono stati ammanettati e condotti in Questura.
Madre e figlio sono stati arrestati per lesioni aggravate a danno di un agente, che fortunatamente ha rimediato solo escoriazioni e una distorsione al polso, guaribili in 5 giorni, e resistenza a pubblico ufficiale. Nella mattinata di ieri, lunedì 19 aprile, sono stati convalidati gli arresti e rinviata l’udienza del giudizio a data successiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica alta durante la notte: intervengono gli agenti di polizia, madre e figlio li aggrediscono

UdineToday è in caricamento