Utenze

Trasferiti da una società di gas e luce a un'altra a loro insaputa: consumatori furiosi

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Una quindicina di consumatori friulani si sono ritrovati da un giorno all'altro un nuovo gestore di luce e gas senza aver firmato nulla; in particolare, nei casi segnalati allo Sportello energia della Federconsumatori di Udine e di Pordenone, tutti i clienti, provenienti da un'azienda friulana, sono stati trasferiti a una società spagnola a loro totale insaputa e ne sono venuti a conoscenza o grazie alla welcome letter che avvisa dell'attivazione con la nuova società di vendita delle utenze power e gas o, soprattutto nell'ultimo periodo, direttamente con il recapito a casa delle fatture del nuovo venditore. La Presidente di Federconsumatori di Udine Erica Cuccu e Letizia D’Aronco, che si occupa dello sportello energia, stanno seguendo le pratiche della zona di Udine e avvisano che “quasi tutte le forniture sono state attivate dal 1 luglio e i contratti sono stati conclusi con fittizie vendite telefoniche o conferma web tramite link”. Nei contratti non richiesti si trovano numero di carte d'identità, recapiti telefonici e indirizzi email totalmente di fantasia, pertanto i consumatori hanno provveduto anche a sporgere denuncia querela. Le referenti di Federconsumatori invitano chi si fosse trovato in una situazione simile e non avesse ancora presentato reclamo a contattare le sedi dell'associazione per avere assistenza e sottolineano che in questi casi vale il principio “non ho chiesto nulla, non pago nulla”. Difatti, ai sensi e per gli effetti dell'art. 66 quinquies del d. lgs. 21/2014, nel caso di contratti non richiesti, nessuna prestazione corrispettiva può essere richiesta per la fornitura del servizio ricevuto nel periodo in contestazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasferiti da una società di gas e luce a un'altra a loro insaputa: consumatori furiosi

UdineToday è in caricamento