Delitto Sacher frutto di "un azione meccanica e violenta"

La valutazione è del perito del Tribunale per i Minorenni di Trieste, che legittima così la versione della Procura della Repubblica. A fine marzo, in giudizio, si valuterà la maturità delle due imputate

Mirco Sacher, il pensionato 67 enne anni delle Ferrovie dello stato trovato senza vita alla periferia di Udine il 7 aprile dello scorso anno, della cui morte si sono accusate due ragazzine di 16 anni, sarebbe deceduto per una "azione meccanica violenta"

La conclusione è del perito del tribunale per i Minorenni di Trieste, Claudio Rago, al processo per omicidio a carico delle due adolescenti. La valutazione non è molto diversa da quella della Procura dei minori, che parlava di "asfissia da strozzamento con contemporaneo schiacciamento del torace e dell'addome"

L'udienza, cui le due ragazze non hanno partecipato per una scelta degli avvocati difensori, è stata aggiornata al 31 marzo. In quella data si discuterà la perizia psicologica che deve valutare la maturità delle imputate.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

  • È ritornato il giustiziere delle piste ciclabili, avvistato oggi a rigare le auto parcheggiate

Torna su
UdineToday è in caricamento