Sale sul tetto di casa e spara nella notte dopo aver aggredito un giovane

Il protagonista della vicenda è un 22enne di nazionalità albanese, che la settimana prima aveva picchiato un uomo colpevole di avergli rivolto uno sguardo

È salito sul tetto di casa - da ubriaco  - e ha cominciato a inveire e sparare colpi di pistola a salve. Il fatto si è verificato intorno all'una della notte tra venerdì e sabato, nella frazione udinese di Godia.

In poco tempo decine di residenti, spaventati, hanno intasato la centrale del 113 per segnalare l'accaduto. Protagonista della vicenda un giovane albanese di 22 anni, sottoposto alla misura di sorveglianza speciale, perché una settimana fa aveva aggredito un friulano in borgo stazione a Udine, colpendolo con due testate al volto e prendendolo a calci e pugni solo per aver rivolto lo sguardo dalla sua parte mentre fumava una sigaretta in strada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È stata la madre del giovane a far entrare la Polizia in casa, per far scendere il figlio dal tetto. In pugno aveva una Beretta del modello in uso alle forze dell'ordine, priva del tappo rosso e con due cartucce, di cui una ancora all'interno. L'arma è stata sequestrata e il giovane è stato denunciato per disturbo del riposo delle persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

Torna su
UdineToday è in caricamento