menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Udinese chiamata al riscatto contro il Lecce stasera al Friuli

Ai Rizzi arriva la pericolante formazione salentina, galvanizzata dalla vittoria di tre giorni fa contro l'Inter di Ranieri. L'undici bianconero deve far rispettare l'impressionante ruolino di marcia casalingo

Dopo la deludente trasferta di Torino, avara di punti ma non certo di gioco ed emozioni, l'Udinese riparte dal suo fortino. Lo fa in una serata a rischio neve per tutto il nord Italia, ma dalle nostre parti l'evento pare scongiurato.

Quel che è certo è che sotto l'arco dello stadio Friuli farà parecchio freddo. Sarà quindi necessaria una grande prestazione dei bianconeri per scaldare cuore e mani dei coraggiosi che sceglieranno di affrontare le gelide temperature di un turno infrasettimanale nel mese di gennaio.

Le proteste arrivano, giustamente, da più parti, ma non è una novità che i calendari vengano ormai decisi dalle emittenti televisive e non dall'organizzatore dei campionati, in questo caso la Lega calcio.

La soluzione al problema non è impossibile. Tutti sono conosci del fatto che con venti squadre sia difficile fare diversamente. La medicina corretta sarebbe il ritorno a sedici formazioni in serie A, garantendo così maggiore competitività (anche in campo europeo), equilibrio, sorprese e minori infortuni.

Sapendo che la dimensione ottimale sarà difficile da raggingere, anche una riduzione a diciotto sarebbe ben accolta, imitando così il modello tedesco, punto di riferimento più fedele e genuino della Premier League tutta lustrini e videocrazia.

QUI UDINE: Tempo e polemiche a parte l'Udinese è chiamata a riprendere il suo ruolino casalingo, che le ha visto concedere punti solamente alla capolista Juventus. Guidolin, tra infortuni, squalifiche e Coppa d'Africa è costretto a fare i conti con  numerose assenze. Pare che il neo acquisto Pazienza, tra i pochi cavalli di ritorno dell'era Pozzo, sarà subito della partita. Gli toccherà sostituire il malconcio Giampiero Pinzi, con cui duettava a centrocampo ai tempi della prima stagione da Champions firmata Spalletti. Davanti, dopo l'ottima prestazione di Torino, Floro Flores dovrebbe partire dall'inizio assieme all'intoccabile Di Natale.

QUI LECCE: L'infortunio di Blasi rimette in discussione il centrocampo di Cosmi, costretto già a dover fare i conti con l'assenza di Olivera. In difesa confermato al centro Miglionico, dopo la buona prova di domenica scorsa contro l'Inter. Davanti una coppia tinta di bianconero passato e futuro, cioè David Di Michele e Luis Muriel.

PROBABILI FORMAZIONI:

Udinese (3-5-2): Handanovic; Ferronetti, Danilo, Domizzi; Basta, Isla, Pazienza, Fernandes, Pasquale; Floro Flores, Di Natale. A disposizione: Padelli, Neuton, Pereyra, Abdi, Ekstrand, Battocchio, Torje

Lecce (3-5-2): Benassi; Oddo, Miglionico, Tomovic; Grossmuller, Giacomazzi, Delvecchio, Bertolacci, Brivio; Muriel, Di Michele. A disposizione: Petrachi, Diamoutene, Piatti, Blasi, Corvia, Seferovic, Ofere

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento