La nuova Udinese nel segno di quella vecchia, a segno Thereau e Badu

I bianconeri inaugurano le amichevoli estive con un pareggio per 2 a 2 contro i russi del Krasnodar. Oggi si replica contro l'Union Berlin, alle 17 a Villach

 

L'Udinese pareggia a Seebodeni contro i russi del Krasnodar, primo test amichevole della preparazione estiva. I bianconeri concederanno il bis oggi a Villach alle 17. Gli avversari saranno i berlinesi dell’Union. 

IL MATCH COI RUSSI. Si parte subito con un buon ritmo e aggressività, tanto che dopo 5' l'arbitro Schumatz deve già ricorrere al cartellino giallo per sanzionare un'entrata dura di Gazinsky su Badu. Dal calcio di punizione che ne consegue, parte l'azione che porta l'Udinese in vantaggio. Sulla destra Widmer riceve in area di rigore e serve Thereau appostato davanti alla porta. Al francese basta toccare di testa per battere Kritsyuk. Siamo al 6'. Non c’è reazione da parte del Krasnodar, l'Udinese controlla agevolmente la partita e si propone con veloci ripartenze. Al 10' Lodi mette in moto Armero con un preciso cambio di gioco, il colombiano di prima mette dentro dove Zapata di un soffio non raggiunge la palla. È ancora l'Udinese a rompere una fase di sostanziale equilibrio. Al 21' Badu dalla destra serve Thereau al centro, il francese fa velo davanti all'area per l'accorrente Kone, il destro a incrociare di prima intenzione del greco impegna Kritsyuk in una difficile parata sulla sua destra. Al 27' prima occasione pericolosa per il Krasnodar. Cross dalla destra di Ari, Joazinho davanti all'area piccola svirgola clamorosamente il pallone e grazia Karnezis. Al 37' ancora il Kransondar pericoloso. Karnezis smanaccia su un tiro rimpallato di Smolov. Al 40' arriva il raddoppio bianconero. Kone libera Armero sulla sinsitra, il cross respinto dalla difesa diventa un assist per Badu che calcia al volo dal limite dell'area e fissa il punteggio sul 2-0. Reazione immediata dei russi con una conclusione di Ari alta sulla traversa un minuto dopo il raddoppio dell'Udinese. Il Krasnodar dimezza le distanze al 43' con Akhmedov che dal vertice destro dell'area pesca il jolly con un tiro deviato che mette fuori causa Karnezis. Il primo tempo si chiude con l'Udinese in vantaggio per 2-1. La ripresa inizia con gli stessi undici del primo tempo. Il Krasnodar spinge subito sull'acceleratore. Al 51' Akmedov calcia dalla distanza, il tiro e' fuori misura. Al 57' Kone finisce sul taccuino dell'arbitro: ammonito per proteste per un fallo fischiato contro. Al 53' il Krasnodar fa le prove generali del gol: bella triangolazione tra Petrov e Smolov, il tiro viene bloccato da Karnezis. Il portiere greco nulla può invece al 55' quando Smolov lo infila con un tiro all'angolino e sigla il 2-2. Al 60' Iachini cambia nove undicesimi. Restano in campo solo Karnezis e Badu. Il Krasnodar continua il forcing ma l'Udinese riesce a controllare e bloccare le iniziative dei neroverdi. Grazie alla freschezza dei cambi, Iachini riesce ad allentare la pressione. Al 77' arriva un giallo per Petrov. All'80’ break dell'Udinese con Badu che calcia dal limite dell'area ma non indovina la mira giusta. Il ghanese lascia poi il posto a Kone che cosi' rientra in partita per gli ultimi dieci minuti. Allo scoccare del novantesimo l'arbitro manda le squadre sotto la doccia. Buon test per entrambe le squadre. Il Krasnodar torna in patria per prepararsi al preliminare di Europa League.

IACHINI. «Io voglio sempre vincere e sto cercando di trasmettere questa mentalità alla squadra. Ci conosciamo da una decina di giorni ma ho già visto l'atteggiamento giusto. Volevo che i ragazzi fossero subito aggressivi, sono soddisfatto. Nella prima mezzora la quadra ha fatto pressione e si sono viste anche buone trame di gioco. Considerando che i nostri avversari concludono oggi il ritiro e avevano giocato già molte amichevoli, sono contento. Abbiamo sofferto un po' nel secondo tempo perché le gambe non possono essere sciolte, con i cambi però abbiamo ripreso il controllo e ci siamo messi di nuovo bene. Domani farò una rotazione perché in questo periodo l'obiettivo è portare tutti allo stesso minutaggio».

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento