menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Guidolin

Francesco Guidolin

Parma - Udinese 1:0 | Quarta sconfitta consecutiva per Guidolin & Co.

La rete di Amauri nel primo tempo porta i padroni di casa a lottare per l'Europa, mentre i bianconeri friulani vedono la zona retrocessione sempre più vicina. A nulla è servito il grande risultato contro il Milan in Coppa, l'Udinese da campionato è svogliata, priva di idee e di grinta. In 90' solo un paio di volte la squadra di Guidolin si è resa pericolosa, ma senza riuscire ad acciuffare il pari

E' tornata l'Udinese da campionato. Quarta sconfitta consecutiva in campionato per i bianconeri, che si trovano in semifinale di Coppa Italia pur lottando per la salvezza in Serie A. Sì, perchè solo la sconfitta del Sassuolo e i pareggi di Bologna e Chievo tengono distante la zona retrocessione. Zero idee, zero gioco e zero grinta. I bianconeri vivono di poche fiammate, che comunque non riescono a portare il pareggio. Nel prossimo turno l'Udinese affronterà il Bologna in quello che sembra sempre più uno scontro diretto per la salvezza.

IL VIDEO DELLA PARTITA

PARMA-UDINESE: LE PAGELLE DEL MATCH

Guidolin sceglie per affrontare il Parma una squadra giovanissima. Basti pensare che, tra gli undici bianconeri, solo tre sono nati negli anni '80: Danilo, Brkic ed Heurtaux. Di Natale rimane in panchina sostituito da Muriel, Bubnjic sostituisce Domizzi, Widmer e Douglas prendono il posto di Basta e Gabriel Silva. L'arbitro nei primi minuti è costretto ad estrarre numerosi cartellini gialli per spegnere i nervosismi di entrambe le squadre. Poi la partita si assopisce e vive solamente grazie ai tiri pericolosi dalla distanza dei giocatori del Parma, su cui Brkic si fa trovare sempre pronto. Da segnalare, dopo appena mezz'ora, il cambio di Pinzi per Douglas, che era stato schierato solo per l'infortunio di Gabriel Silva nel riscaldamento. Il gol emiliano arriva al 35': Cassano crossa in area, Brkic ed Heurtaux si ostacolano lasciando libero Amauri che di testa non ha problemi ad insaccare.

Nella seconda frazione l'Udinese entra in campo con un piglio diverso. Nel giro di pochi minuti Widmer e Nico Lopez impensieriscono Mirante, senza riuscire però a trovare il pari. Ad andare ancora più vicino al gol è l'ex Felipe, che con una svirgolata rischia l'autogol. Dopo però appena 10 minuti l'Udinese fa vedere che non ci sarà la rimonta di San Siro, e torna a giochicchiare a centrocampo per frenare le mire offensive emiliane. Il Parma stesso frena, per poi tornare ad attaccare nel finale con Biabiany e Cassano (in entrambe le occasioni lanciati da Josè Mauri, campioncino classe '96 della primavera parmense) fermati con interventi spettacolari da Brkic. Termina così la sfida, e l'Udinese deve riprendersi al più presto se non vuole cadere sempre più in basso e rischiare di perdere la Serie A.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento