menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le pagelle di fine stagione dell'Udinese: i voti alla difesa

Il migliore in assoluto è stato il portiere Karnezis. Bene anche l'altro nuovo innesto Piris, deludenti Bubnijc, Widmer e Gabriel Silva

A fine anno è il tempo di dare i giudizi al rendimento dei giocatori friulani. Iniziamo dai portieri e dai difensori. 

KARNEZIS ORESTIS 8 Il migliore della stagione, capace di salvare il risultato in molte situazioni. Gli ultimi periodi felici a Granada e il buon mondiale garantivano per lui, ma nessuno si sarebbe aspettato un rendimento del genere. 

SCUFFET SIMONE 6 Anno interlocutorio, con qualche presenza in coppa e le ultime due di campionato. Ha bisogno di giocare, e per adesso sembra che debba cercarsi un posto da qualche altra parte per farlo. Il parere del nuovo mister chiarirà ogni dubbio. 

MERET ALEX S.V. Nessun “cap” per un altro dei predestinati friulani tra i pali. Si è però fatto valere con la formazione Primavera. 

PIRIS IVAN 7 Intelligenza tattica, duttilità e applicazione massima. Un’altra nota lieta in una stagione stonata. Dev’essere uno dei titolarissimi su cui fondare il reparto per il 2015/2016.

WAGUE MOLLA 6,5 Unica piccola “rivelazione” dell’anno. Il tifoso bianconero era abituato a veder maturare, nell’arco del campionato, due o tre giocatori. In questa occasione si deve accontentare del francese. Come successo per Heurtaux nemmeno lui sarà il nuovo Benatia, ma un onesto giocatore si. 

DANILO LARANGEIRA 6,5 Chiude il quarto campionato a Udine, cosa che gli consegna i gradi di senatore. Come per molti suoi compagni non è incappato nella stagione della vita, ma uno standard minimo di rendimento lo ha garantito. 

DOMIZZI MAURIZIO 6 I soliti acciacchi, che con il passare del tempo aumentano per forza, e qualche screzio - poi rientrato - con il tecnico. In personalità, come d’abitudine, non ha di certo difettato, ma anche l’impegno sul campo, quando è stato impiegato, è sempre stato massimo. 

HEURTAUX THOMAS 6 Per “anzianità” e mercato è fra quelli in predicato di trovarsi un’altra sistemazione. Chi volesse comprarlo sappia che avrà a disposizione un elemento valido con il vizio della rete, non di certo uno che può fare la differenza nel reparto arretrato. 

PASQUALE GIOVANNI 6  Poche presenze caratterizzate dalla solita generosità. 

BUBNIJC IGOR 5,5 Non ha completato quel processo di adattamento al calcio italiano riuscito ad altri colleghi passati prima di lui per Udine. Per questo farà le valigie, con la sua Croazia come probabile destinazione. 

GABRIEL SILVA 5,5 L’ultimo ricordo davvero emozionante è legato al pallonetto di San Siro, con cui chiuse il conto tra Inter e Udinese due anni fa. Sono venute poi una stagione sufficiente e un’altra - quella attuale - in cui un infortunio lo ha condizionato in maniera decisa. 

WIDMER SILVAN 5,5 Tanti chilometri percorsi e troppe disattenzioni in difesa, sia a livello tattico che di interventi maldestri. All’inizio sembrava potesse consacrarsi come uno dei leader della Serie A nel ruolo Così non è stato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento