Terza vittoria di fila per la New Team nella serie B di calcio a 5

La formazione allenata da Asquini si è imposta per 5 a 3 contro il Came Dosson

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Trova la terza vittoria consecutiva in altrettante gare della gestione Asquini la New Team del presidente Visintin, che soffre un tempo col Came Dosson per poi aggiudicarsi meritatamente il match. Nella giornata dei recuperi eccellenti, vale a dire i brasiliani De Jesus e Da Silva rientrati tra i convocati e che hanno lasciato solo il connazionale Todeschini ai box, mister Asquini si attendeva diverse risposte in vista del match più importante della stagione, quello valido per l'accesso alla Final Eight di Coppa Italia contro gli umbri del Grifo Caminetti: primo tempo un po' sottotono quello dei friulani, che fin dall'avvio hanno avuto la partita in pugno ma si sono adagiati sul ritmo dei rivali, ancorati alla loro area per difendere il risultato e pronti a ripartire in contropiede; ne è scaturito un 1-1, peraltro in rimonta, frutto di una manovra troppo lenta che ha permesso ai veneti di chiudere tutti i varchi senza soffrire più di tanto, con la New Team pericolosa più che altro dalla distanza.

Nella ripresa, invece, tutta un'altra musica con il pressing alto non più sporadico ma sistematico: già dopo pochi secondi il vantaggio, che però non ha fatto abbassare la guardia ai biancazzurri, anzi costanti nel proseguire con la tattica più aggressiva mettendo a nudo tutti i limiti tecnici degli avversari; la gara si è conclusa con soli due gol di distanza ma lo scarto sarebbe potuto essere maggiore vista la mole di gioco prodotta dalla New Team nella ripresa , anche se vanno riconosciuti i meriti a una compagine come quella di mister Urbisaglia priva del capitano Cestaro, dell'esperto Lucchese ma soprattutto del bomber Favaretto e del fenomenale funambolo spagnolo Iglesias, in panchina solo per onor di firma senza nemmeno un minuto in campo a causa di problemi muscolari.

Veniamo alla cronaca. La New Team nei primi minuti ci prova con Halimi dalla distanza e con Quinellato in tre occasioni: di testa su rimessa da sinistra di Siviero coglie la parte alta della traversa al 4'09'', in contropiede serve Siviero solo a porta vuota ma il suo passaggio viene intercettato miracolosamente da un difensore in ripiegamento al 6'26'', servito da Siviero con un colpo sotto sulla sinistra si trova davanti a Bonora ma il suo sinistro viene murato dal portiere in uscita al 7'07''. All'8'16'' è la volta di De Jesus, che prova il sinistro dal limite spostato sulla destra dopo un pregevole velo di Mancini su imbucata da sinistra a destra di Siviero, ma il tentativo del rientrante numero 5 finisce di poco alto. Pochi secondi dopo il primo squillo del Came Dosson, con una bella azione personale di Laino che si presenta davanti a Caceffo e prova a beffarlo con un colpo sotto di destro, ma è bravo il portiere a respingere col corpo. Al 10'37'' secondo legno per Quinellato, che stavolta prende il palo dal limite su palla ben rubata da Mancini, ma i veneti reagiscono e ancora Laino chiama Caceffo al grande intervento con una bordata di sinistro in diagonale al 10'50''. Il Came Dosson continua a rimanere ben chiuso dietro, la New Team non trova sbocchi e una lunga circolazione di palla fa pervenire la sfera per la seconda volta senza l'intervento degli avversari a Caceffo: punizione a due dal limite, schema con palla a Maragno che di sinistro mette in rete al 14'38''. La New Team ha il merito di non disunirsi e al 15'20'' arriva già il pari: Siviero va via a sinistra e prova il diagonale mancino, Bonora pasticcia facendosi passare la sfera sotto il corpo e regalando il pareggio ai locali. La gara si innervosisce e al 15'58'' ne fa le spese Sturlese, che con un fallaccio da dietro stende Siviero e si prende il cartellino rosso diretto: la New Team, però, gioca male la superiorità numerica e in 2' non produce praticamente nulla graziando così gli avversari.

Si va a riposo e mister Asquini riesce a inculcare un cambio di atteggiamento nei suoi, che partono a mille all'ora nella ripresa e dopo soli 13'' sono già in vantaggio: Siviero ruba palla e la consegna a Quinellato, servizio a destra per Halimi e movimento verso il secondo palo del pivot, l'ex giocatore del Gruppo Fassina mette la palla forte verso il centro per il compagno e Crescenzo nel tentativo di anticipare proprio Quinellato devia la sfera nella propria porta per il vantaggio friulano. Quinellato ci prova ancora servito da Halimi a centro area al 2'50''ma Bonora respinge con la faccia la conclusione a botta sicura del brasiliano, poi si rifà vivo il Came Dosson con Laino che al 4'37'' si presenta sulla sinistra solo davanti a Caceffo ma il suo tentativo di colpo sotto mancino si spegna abbondantemente a lato. Il gol del 3-1 della New Team non tarda ad arrivare: è il 5'20'' quando Quinellato, spalle alla porta tutto spostato a destra, si gira con grande rapidità e va via verso la linea di fondo prima di scoccare un improvviso tiro di destro sul primo palo che si infila sotto al traversa. Poco più di 30'' dopo e la gara è praticamente chiusa da Halimi: punizione centrale dall'altezza del tiro libero, il numero 11 carica il suo mancino calciando rasoterra a fil di palo alla sinistra di Bonora dove si era appena spostato un difensore posizionato sul palo ed è il poker dei ragazzi di Asquini. Al 13'59'' i veneti tornano però in partita: alla New Team riesce male un pressing alto e la palla scivola verso sinistra per Maragno, assist verso il secondo palo per l'accorrente Piovesan che deposita nella porta sguarnita. Quando mancano 3' mister Urbisaglia si gioca il tutto per tutto col portiere di movimento, ma al 17'45'' Quinellato intercetta un pallone e si invola verso la porta sguarnita, evita il ritorno in scivolata del portiere e deposita di piattone destro in rete. Ancora il carattere indomito del Came porta al terzo gol ospite: un batti e ribatti in area nel corso dell'ultimo minuto favorisce Crescenzo che prova il tiro di destro, la palla colpisce Mancini e si impenna scavalcando Caceffo e fissando il risultato sul 5-3 definitivo.

Ora per la New Team il tempo di recuperare le energie per tornare in campo martedì: servirà tutto il calore del pubblico e la prova perfetta da parte di tutti i ragazzi di Asquini per avere la meglio sul Grifo Caminetti di Bastia Umbra (PG) e continuare la corsa in Coppa Italia, coronando il sogno di raggiungere per il secondo anno consecutivo la Final Eight.

 

NEW TEAM - CAME DOSSON 5-3 (p.t. 1-1)

NEW TEAM: Caceffo (p), Pitta, Mancini, De Jesus, Siviero, Quinellato, Da Silva, Visintin, Halimi, Patti (p), Oscar Spatafora, Collevati. Allenatore: Asquini.
CAME DOSSON: Dal Bianco (p), Maragno, Pian, Barro, Sturlese, Laino, Cissè, Piovesan, Crescenzo, Bonora (p), Iglesias. Allenatore: Urbisaglia.
ARBITRI: Illotto (Trento), Villa (Trento); cronometrista: Scaglia (Arco Riva).
MARCATORI: p.t.: 14'38'' Maragno (C), 15'20'' Siviero (N); s.t.: 0'13'' autogol di Crescenzo (N), 5'20'' Quinellato (N), 5'57'' Halimi (N), 13'59'' Piovesan (C), 17'45'' Quinellato (N), 19'06'' Crescenzo (C).
AMMONITI: p.t.: 6'45'' Siviero (N); s.t.: 8'35'' Mancini (N).
ESPULSI: p.t.: 15'58'' Sturlese (C) per fallo su Siviero.
NOTE: spettatori 100 circa.

Torna su
UdineToday è in caricamento