menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giro d'Italia: Michael Rogers conquista lo Zoncolan

Michael Rogers conquista la vetta dello Zoncolan anche se 'aiutato' da un tifoso che spinge Francesco Bongiorno nel finale facendogli perdere terreno. Secondo il nostro Pellizzotti, terzo lo sfortunato calabrese. Quintana conserva la maglia rosa e domani sarà trionfo a Trieste

Spettacolare tappa del KaiserZoncolan con folla oceanica assiepata sui suoi spalti naturali. Una sorta di Woodstock dello sport a due ruote, lo descrivono i cronisti. Spettacolo impagabile e solo in parte ammaccato dall’imbecillità di quell’incauto tifoso

La salita più dura d’Europa. Così viene considerata dagli addetti ai lavori l’ascesa al Monte Zoncolan dal versante di Ovaro. I 10km che portano alla cima sono un vero e proprio calvario con pendenza media dell’11,9% e massima del 22%. Il tratto più difficile è quello che va dal secondo al sesto chilometro con pendenza media del 15,4%. I meno dotati in salita rischiano di dover mettere il piede a terra e continuare spingendo la propria bici. E’ quello che succede a Francesco Manuel Bongiorno, ma non per colpa sua: in fuga nel gruppo di testa sulla salita decisiva, il 23enne del  team Bardiani Valvole-CSF Inox viene danneggiato da uno scellerato tifoso. Nel momento di massimo sforzo il tifoso spinge Bongiorno che perde l’equilibrio, sgancia il piede dal pedale, 'rompe' il passo ed è costretto a ripartire quasi da fermo nel punto di massima pendenza della salita, abbandonando i sogni di vittoria.

Michael Rogers fa il bis sullo Zoncolan, Quintana conserva la maglia rosa e si prepara alla passerella di domani: nella 20a tappa del Giro d’Italia da Maniago al Monte Zoncolan l’australiano Michael Rogers bissa la vittoria dell’11a tappa con una fuga in solitaria, così come in solitaria aveva vinto a Savona. Quintana finisce dietro oltre di 3 minuti, ma controlla senza problemi Uran e Aru e porta a casa la maglia rosa ormai definitiva.

GUARDA IL VIDEO

Al traguardo a braccia alzate ci arriva quindi Michael Rogers, ma il vero e definitivo vincitore del Giro è Quintana. Sempre vigile, sempre attento, il colombiano non concede possibilità di replica né ad Uran né ad Aru che, anzi, va in difficoltà sull’ultima salita e cede qualche secondo, ma non il gradino più basso del podio. Il sardo domani si prenderà gli applausi di tutta l’Italia sul traguardo di Trieste.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento