"Manuela Di Centa ha fatto uso di doping durante la carriera"

Ad affermarlo è Sandro Donati, consulente dell'agenzia mondiale anti-doping. Il tutto viene desunto da un documentario della televisione finlandese sulle sostanze proibite nel mondo dello sci

Manuela Di Centa felice dopo una delle tante vittorie in carriera

Vittorie olimpiche in discussione? Credibilità pereduta? Secondo Sandro Donati, consulente Wada (World Anti-Doping Agency), parrebbe di si.

A detta di Donati Manuela Di Centa, in carriera, ha fatto uso di Epo. La notizia necessita ovviamente di prove per essere confermata. Prove che, secondo Donati, verrebbero portate alla luce dal docu-film di produzione finlandese “Sinivalkoinen vahle”, che tradotto significa “La menzogna bianco blu”.

Oltre a riportare vicende e testimonianze su ex campioni e tecnici finlandesi, questo reportage smaschererebbe anche la colpevolezza della Di Centa.

Donati parla, inoltre, del fascicolo aperto e chiuso dalla procura di Ferrara, che si è già occupata del caso, archiviando il tutto per prescrizione.

Nonostante ciò, il tribunale confermò, attraverso una superperizia, che 33 atleti azzurri erano stati oggetto di emotrasfusioni.

A parlare sono anche Giuseppe Puliè e Silvano Barco. Il primo afferma che le emotrasfusioni, vietate dal 1985, sono state regolarmente utilizzate fino al 1988 sugli atleti. Barco, già pentito per aver ricorso proprio a queste pratiche, ha ribadito la sua estraneità all’utilizzo di Epo.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

Torna su
UdineToday è in caricamento