menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Apu batte Scafati con un super Giuri: le pagelle

Bene anche capitan Antonutti, appena sotto la sufficienza Mobio e Nobile

Prosegue per l’Apu OWW la curiosa replica dei risultati di Coppa Italia e dopo la vittoria con Forlì e la sconfitta a Napoli arriva puntualmente anche il successo su Scafati. Ora il focus va alle prossime gare del Girone d’elite con gli udinesi che dovranno vincere fuori casa -proprio a Forlì e/o Scafati- se vogliono agganciare quel quarto posto che consentirebbe nei quarti di finale playoff di giocare la bella tra le mura amiche. Scafati sulla carta è una buona squadra (forse poco atletica) costruita per arrivare in alto ma che non sta certamente attraversando un periodo positivo. Dopo essere stata asfaltata da Udine in Coppa non si è più ripresa, ha perso per infortunio il suo leader Marino (unico play di ruolo, rientrato per la partita) e la crisi si è ulteriormente avvitata.  Tuttavia l’Apu ha dovuto sudare le classiche sette camicie per venirne a capo in un confronto fatto di continui saliscendi (parziali dei primi 3 quarti 18-20, 44-38 e 65-69) e che solo nei minuti finali ha visto la svolta decisiva. Udine l’ha vinta con la sua solita modalità del tiro da 3, nulla di nuovo sotto il sole. A 4 minuti dal termine su due errori difensivi degli avversari sul pick and roll centrale D.Johnson ha piazzato due bombe di fila che hanno ribaltato il punteggio, da 73-76 al 79-76. Un paio di azioni dopo, con Scafati che faceva grande fatica a vedere il canestro, Giuri ha ribadito il vantaggio (84-76) con un’altra tripla siderale. Partita chiusa e tutti a casa, finale 88-83. Pensare che il match era iniziato in un clima semivacanziero e con difese piuttosto distratte. Abbiamo contato 3 canestri di Palumbo, una guardia, imbeccato dai compagni totalmente solo sottocanestro. La grande serata di Marco Giuri si poteva però già intuire dai 10 punti messi a segno nel primo quarto. Quando poi il match si è alzato di intensità è stato sempre lui a prendere il bastone del comando e guidare i compagni (ai suoi ritmi da slow) con canestri e sagge letture di gioco. Per tornare ai prossimi impegni l’Apu dovrà sicuramente dare qualcosa di più in particolare come tenuta difensiva (troppi gli 83 punti subiti in casa) per vincere su campi ostici come quello di Forlì. Dovrà anche imparare ad appoggiare più spesso la palla al pivot basso, dal gioco dentro-fuori nascono anche le migliori opportunità per i tiratori. Il centro titolare Foulland non ha avuto una palla giocabile né si è preso un tiro nell’ultimo quarto. E Ciccio Pellegrino, 213 centimetri, ha tentato 2 triple. Dati su cui fare una riflessione. 

Pagelle 

APU OWW

D.Johnson 6. Nel quarto periodo le 2 triple che spaccano la partita, per il resto non granchè (in 30 minuti 5/16 al tiro)
Amato 6. Segnali di crescita, sta cercando la coabitazione con Giuri (3/6 al tiro) 
Giuri 8. Il migliore. Top scorer (3/4 da 2 e 5/7 da 3), rimbalzista (6) e leader, valutazione 29
N.Foulland 6. Si sbatte sotto i tabelloni ma resta ai margini del gioco offensivo (4/8 da sotto)
Antonutti 6,5. La sua mano educata risolve parecchi problemi mentre in difesa va spesso in difficoltà (5/13 dal campo con 9 rimbalzi)
Deangeli 5,5. Alti e bassi di gioventù, stavolta più bassi
Mobio 5,5. In campo meno di 6 minuti, fatica ad entrare in  sintonia con il match 
Pellegrino 6. Nei suoi 13 minuti anche una tripla (su 2), a parte questo serata di ordinaria amministrazione   
Nobile 5,5. Dà come sempre il 101% ma con Scafati sono 16 minuti un po’ anonimi         
Italiano 6. Consuma la sua breve apparizione con tre falli di fila ad inizio del terzo periodo 
Schina  n.e.

All. M.Boniciolli 6,5. Si prende due punti che regalano fiducia in attesa delle sfide con Forlì e Napoli. L’impressione è che abbia accorciato le rotazioni con 5 soli uomini sopra i 20 minuti di utilizzo.   

SCAFATI BASKET

C.Thomas 6, D.Jackson 5, Palumbo 6, Cucci 5,5, Benvenuti 6,5, Sergio 6,5, Musso 5, Rossato 6

All. A.Finelli 5,5

Tabellino

APU OLD WILD WEST UDINE – GIVOVA SCAFATI 88-83 (18-20, 44-38, 65-69)

APU OLD WILD WEST UDINE: Johnson 15 punti, Deangeli 4, Amato 7, Schina ne, Antonutti 18, Mobio 2, Agbara ne, Foulland 8, Giuri 22, Nobile 2, Pellegrino 5, Italiano 5. All. Matteo Boniciolli.

GIVOVA SCAFATI: Musso 5 punti, Dincic ne, Palumbo 10, Jackson 10, Marino 6, Thomas 10, Rossato 8, Sergio 15, Benvenuti 15, Cucci 4. All. Alessandro Finelli.

Arbitri: Moretti, Terranova, Martellosio.
Uscito per cinque falli: nessuno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Schianto a Osoppo, gravissima una giovane del posto

  • Cinema

    C'è anche un'attrice friulana nella super produzione The house of Gucci di Ridley Scott

  • Cronaca

    Carnia, si fa un taglio alla testa con la motosega

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento