menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Guidolin © INFOPHOTO

Francesco Guidolin © INFOPHOTO

Guidolin: "In campo contro il Cagliari con le nostre armi"

Il tecnico bianconero punta sulla volontà di ritrovare lo spirito battagliero che ha contraddistinto la squadra in questi ultimi anni. Possibili sorprese nell'undici di partenza coi sardi, con Nico Lopez pronto a esordire

Udinese e Cagliari arrivano alla vigilia della settima giornata di campionato con stati d'animo diversi. Il Cagliari rinfrancato dal pareggio interno con l'Inter, l'Udinese ansiosa di riscatto dopo la sconfitta subita a Bergamo: "Domani dobbiamo scendere in campo con le nostre armi: determinazione, intensità, cattiveria agonistica. Sono componenti che esaltano le doti del nostro gruppo ma che non sempre riusciamo a esprimere. Se manteniamo buoni ritmi siamo una buona squadra, altrimenti diventiamo vulnerabili".

Può una vittoria scacciare i fantasmi della crisi?
"Andiamo a cercare il successo e proviamo a gestire al meglio il presente e il futuro, ma il calcio è fatto di momenti e situazioni".

Muriel sarà della partita?
"Il colombiano ha lavorato durante la seconda parte della settimana insieme al gruppo. Sicuramente può giocare una parte di incontro".

Qual è la collocazione ideale per Nico Lopez?
"E' un giocatore che mi piace e adesso cominciamo a capirci. L'uruguaiano ha un grande talento e lavora con generosità non rinunciando mai ad aiutare i compagni. Può fare l'attaccante alle spalle della prima punta oppure agire da attaccante esterno sia a destra che a sinistra".

Che Cagliari si aspetta?
"I rossoblù sono un avversario di carattere e con grande forza mentale. Bisogna solo fare i complimenti a un gruppo che l'anno scorso ha centrato l'obiettivo giocando sempre fuori casa. Affrontiamo una squadra che si conosce a memoria composta da giocatori cresciuti e maturati insieme".

Come stanno Pinzi e Domizzi?
"Non mi lamento dei giocatori che non ci sono ma è evidente che entrambi siano due elementi importanti, esperti e bravi. Sono italiani e rappresentano il collante del gruppo. Pinzi è disponibile e deve recuperare la forma migliore, mentre mi auguri che Domizzi possa aggregarsi a dopo la sosta".

(udinese.it)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento