Esordio positivo con epilogo sfortunato per Giovanni Luc al Mugello

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Prima presa di contatto positiva per Giovanni Luc, al Mugello Circuit, in occasione del 6° Round del Trofeo Bridgestone 600. Il pilota friulano, al debutto nella nuova categoria, conquista subito la decima casella in griglia di partenza, dopo aver migliorato di quasi 2 secondi il suo best lap nelle qualifiche, a conferma dell'ottimo lavoro svolto. Con soli pochi km alle spalle, in sella alla sua Honda cbr 600, l'alfiere #501 riesce ugualmente a distinguersi in pista, classificandosi dietro a piloti che hanno militato a livello europeo e mondiale. Dopo una brutta partenza, il pilota friulano rimonta fino alla top ten, ma una caduta inaspettata durante le prime fasi di gara, lo costringe ad un ritiro anticipato. Epilogo sfortunato in un weekend in continua crescita, che lascia un po' di amaro in bocca ma anche la consapevolezza del proprio potenziale e di un ampio margine di miglioramento da sfruttare al prossimo appuntamento. L'ultimo round della stagione è in programma il 2 ottobre, sul medesimo circuito.

Giovanni Luc: "Peccato per come si è concluso il weekend, il Mugello è una pista che mi è sempre piaciuta e potevo fare una bella gara. Le prime 7-8 posizioni erano alla portata, il che non è male all'esordio sulla nuova categoria e con una moto che ho guidato per pochi km. Sono moderatamente soddisfatto, abbiamo progredito turno per turno e ora siamo consapevoli di avere ampio margine di miglioramento. Terminare sul podio delle Wild Card sarebbe stata una bella soddisfazione alla mia prima gara, purtroppo una scivolata ci ha tolto anticipatamente dalla corsa, ma sfrutteremo questa esperienza per la prossima gara del 2 ottobre. Sarà importante partire subito forte, con i tempi che abbiamo fatto segnare in qualifica, e lavorare come abbiamo fatto, migliorandoci in ogni sessione. Ringrazio Nando De Cecco, che mi ha seguito e consigliato per tutto il weekend, è stato un onore aver avuto l'opportunità di lavorare con lui. Un grazie infinito va inoltre agli sponsor che mi sostengono in questa stagione: Kooso Compositi e Safety Working."

Torna su
UdineToday è in caricamento