rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Sport

Udinese-Sassuolo, Oddo: «Fondamentale non perdere»

L'allenatore bianconero pretende una squadra motivata per la sfida casalinga contro il Sassuolo. «Aspettatevi una partita sporca»

Vigilia di partita a Udine in attesa del match contro il Sassuolo fissato alle 18. Oggi il tecnico dell'Udinese, Massimo Oddo, è intervenuto nellaconsueta conferenza stampa prepartita. 

Con Udinese-Sassuolo parte la sperimentazione contro la sosta selvaggia ai Rizzi 

In questa settimana si è sentito dire che l’Udinese è in difficoltà nonostante si trovi a metà classifica, in una zona decisamente tranquilla. Come mai secondo lei? 

“Sono felice di riscontrare questo ottimismo. Perdere una partita come quella di Torino con la Juventus non significa diventare negativi sulla stagione in generale. A Torino è mancata una maggiore aggressività e decisionismo nella gestione di certi palloni. Volendo fare qualche numero possiamo ricordare che con la Juventus abbiamo avuto il 44% di possesso palla, loro hanno fatto quattro tiri in porta, mentre di solito ne fanno molti di più, poi 22 cross per noi, con questo non voglio dire che abbiamo fatto una bella partita, ma ciò non significa che i ragazzi fossero spenti. Al contrario vuol dire che i nostri avversari erano forti e per questo motivo la squadra non è riuscita a dare quello che aveva preparato. Io valuto gli allenamenti giorno per giorno e vi posso assicurare che la squadra si allena ancora dando il massimo”.

Lasagna si è rivelato essere una pedina insostituibile.
“Sì ma non voglio che questo diventi un alibi. Probabilmente avremmo perso anche con lui in squadra contro la Juventus, ma sotto l’aspetto della cattiveria e di altri fattori, domenica siamo mancati un po’ rispetto a quanto eravamo soliti a fare nelle partite precedenti. Domani abbiamo una partita nella quale è importantissimo vincere ma è fondamentale non perdere, l’abbiamo preparata al meglio ma non possiamo sapere cosa ci riserverà, dovremo essere bravi a leggerla bene fin dalle prime battute”.

Forse qualche giocatore di quelli che se ne sono andati via potevano tornare utile in questo periodo?
“Col senno di poi è facile dirlo, il calcio però è questo, a volte si scommette su determinati giocatori e si sbaglia, altre volte ci si azzecca. I numeri dicono che abbiamo difficoltà ad andare a rete ma noi stiamo lavorando per sopperire a questa nostra mancanza. Io ho cercato di essere molto equilibrato anche dopo le 5 vittorie consecutive. Era prevedibile un successivo calo, per mille motivi, ero molto contento quando si vinceva come sono molto arrabbiato ora, ma al tempo stesso non sono abbattuto. Tante volte si finisce con il perdere partite anche quando si fa bene”.

Una domanda su Barak, un giocatore che è partito molto bene e che poi è andato calando. Quali potrebbero essere le cause di questa sua involuzione?
“Barak non è un robot, è umano, nei calciatori ci sono momenti di gloria e altri di appannamento. Questa credo sia una cosa normale, la rosa è fatta di tanti giocatori e io sono qui per fare delle scelte cercando di sopperire ai giocatori quando sono in difficoltà. È fisiologico questo suo calo, ha giocato sempre pertanto è normale un leggero calo psico-fisico”.

Il Sassuolo è in piena zona retrocessione e si presenterà con assenze importanti. Che tipo di gara si attende?
“Sporca. Non ci divertiremo di sicuro domani. Da parte nostra lotteremo per dare il massimo e per fare il meglio possibile, ma il Sassuolo arriverà qui per non perdere, pertanto troveremo una squadra che non ci lascerà tanti spazi, che non ci permetterà di fare il nostro gioco. Ecco il motivo per cui quella di domani sarà una partita non bella da vedere. Sarà una gara, lo ripeto, importante da vincere ma fondamentale da non perdere e dovremo capire subito come farlo. Se dovessimo trovare una squadra che si chiude dovremo essere abili fin dalle prime battute a non scoprirci facendo così il loro gioco. Quest’anno hanno avuto difficoltà in  fase difensiva, ma in attacco hanno giocatori con “numeri” come Politano e Babacar”. 

Chi giocherà domani in attacco?
“Posso dire che giocheranno Maxi Lopez e De Paul, sempre se mi convinceranno nella rifinitura di oggi pomeriggio”.

Balic mezz’ala l’ha convinto e sarà possibile rivederlo in quel ruolo?
“È un ruolo che lui può fare essendo un giocatore molto intelligente, perciò non è da escludere che l’esperimento non si possa ripetere”.

I precedenti

Sono soltanto quattro i precedenti in Friuli fra Udinese e Sassuolo. La compagine emiliana, infatti, partecipa alla massima serie soltanto dalla stagione 2013/14 e proprio in quel suo primo anno di Serie A l’Udinese ha ottenuto la fin qui unica vittoria casalinga sui neroverdi. Udinese e Sassuolo si affrontarono nella decima giornata del girone di ritorno, il 23 marzo, e a prevaricare furono i nostri bianconeri grazie all’incornata vincente di Totò Di Natale al 26’ del primo tempo al termine di un’azione in profondità iniziata da Pinzi. Successivamente lo stesso Totò sbagliò un calcio di rigore calciando sopra la traversa, episodio che non finì con il compromettere la vittoria finale. È finita 0-0 nel campionato 2015/16, mentre nella partita di andata del presente campionato è stata la nostra Udinese a fare propria l’intera posta grazie a un sinistro chirurgico di Barak a metà del primo tempo al termine di una bella azione corale e dopo un velo di Perica al limite dell’area.

Dieci i bianconeri convocati con le rispettive Nazionali

Sono dieci i bianconeri che, dopo la partita con il Sassuolo, raggiungeranno i ritiri delle proprie Nazionali. Questo l'elenco completo: Alì Adnan: torneo amichevole (19/3 e 27/3 - Basra City); Balic: Repubblica Ceca-Croazia U21 (23/3) e Croazia-Moldova U21 (27/3 - Velika Gorica); Barak e Jankto: Uruguay-Repubblica Ceca (23/3 - Nanning) e Cina-Repubblica Ceca (26/3 - Nanning); Behrami e Widmer: preconvocati per Grecia-Svizzera (23/3 - Salonicco) e Svizzera-Panama (27/3 - Lucerna); Hallfredsson: Messico-Islanda (23/3) e Peru-Islanda (27/3) ; Pezzella e Scuffet: preconvocati per Italia-Norvegia U21 (22/3 - Perugia) e Serbia-Italia U21 (27/3 - Novi Sad); Stryger: Danimarca-Panama (22/3 - Brondby) e Danimarca-Cile (27/3 - Aalborg) . 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Udinese-Sassuolo, Oddo: «Fondamentale non perdere»

UdineToday è in caricamento