menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Guidolin, alla terza stagione sulla panchina bianconera

Francesco Guidolin, alla terza stagione sulla panchina bianconera

Udinese: parla Guidolin "Dobbiamo essere una squadra"

In conferenza stampa, l'allenatore dell'Udinese parla della prossima sfida con lo Sporting Braga, e della condizione fisica dei suoi giocatori

Francesco Guidolin è concentrato sull'inizio della stagione, e sul preliminare di Champions contro i portoghesi del Braga.
"Siamo a una settimana dalla partita di andata dei Preliminari e noi che stiamo guardando il nostro avversario, ci accorgiamo di giorno in giorno che gli avversari sono di quelli tosti e difficili. Bisognerà essere al top, siamo tutti proiettati verso quel giorno. Il nostro pensiero è lì e cominciamo tutti a sentire l'impegno."

Passa poi a parlare delle ultime amichevoli, che non considera indizi attendibili.
"Delle amichevoli non mi fido, nè quando si vince 4 a 0, ne quando si rischia di perdere. Non sono mai sicuro ad inizio stagione, solo il lavoro mi dà serenità. Ci siamo rinnovatu ulteriormente, e andiamo incontro ad un avversario nuovo. Fiducia, entusiasmo, motivazione e lavoro: questo ci serve per cominciare al meglio."

Per consolidare le certezze, il mister propone un triangolare, con avversari ancora da definire. "Vorrei organizzare una doppia amichevole sabato. Partitelle da 60' minuti, per provare alcuni giocatori e schierare almeno 20 giocatori, in modo da aumentare il minutaggio. Una squadra potrebbe essere il Tamai, e l'altra una dello stesso livello."

SPORTING BRAGA: L'AVVERSARIO PER L'ACCESSO ALLA CHAMPIONS LEAGUE

Piccola parentesi per Fabbrini "In nazionale sono arrivati tanti giovani, e mi sembra giusto. E'proprio il caso di sperimentarli ad inizio stagione in una amichevole. Idea brillante di Prandelli. Noi, da questo punto di vista abbiamo pareggiato a Glasgow con una squadra giovanissima, traguardo importantissimo per me. Fabbrini sta crescendo, ma deve crescere ancora molto. Io da lui mi aspetto una crescita ulteriore in questo periodo e nei prossimi mesi, e la stessa cosa mi aspetto da Pereyra."


In settimana è stata anche pubblicata la lista UEFA, che esclude dal doppio preliminare Gabriel Silva, Ighalo e Barreto. "Dovevo sceglierne 21. Ho fatto le mie considerazioni, speriamo di aver visto giusto. Riguardo a Barreto, non penso al mercato. Rispetto alla scorsa stagione, sta molto meglio. Vedremo."

Guidolin parla poi di Muriel e Di Natale, possibile coppia d'attacco nella futura stagione. "Vediamo come è tornato Luis dalla Nazionale. Non so come sta, non so che tipo di lavoro ha fatto. Lui ha fatto una pre-season scoppiettante, prima sfavillante ma nella seconda parte ha rallentato e a Southampton quella gamba che ha mostrato nelle amichevoli precedenti non l'ho vista. Ora è andato in nazionale e vedremo. Spero abbia smaltito l'infortunio alla gamba e che sia tornato alla condizione precedente." Per Di Natale ha solo parole positive. "La sua professionalità è sempre stata una delle sua maggiori caratteristiche, se lui sta così bene è perché ha una vita professionale esemplare. Entra in forma facilmente anche per la sua fisicità e quando gira lui la squadra si sente più sicura. A volte basta semplicemente allungare una palla e ci pensa lui."

In conclusione, il pensiero del mister torna alla partita contro il Braga.
"Ci stiamo informando su tutto. E' una squadra con un buon impianto di gioco e buona esperienza. Ama giocare il calcio lusitano fatto di possesso palla, è una squadra aggressiva ben costruita e molto pericolosa. In questi 40 giorni dobbiamo aver costruito una squadra, questo era il nostro compito. Mercodedì dobbiamo essere una squadra, sennò non ne veniamo fuori."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento